Inps, nel 2008 un saldo attivo di più di 11 miliardi di euro

Inps, nel 2008 un saldo attivo di più di 11 miliardi di euro

Il bilancio 2008 dell’Inps presenta un saldo attivo di più di 11 miliardi di euro. Rimane sostenuta la dinamica delle entrate contributive, così come migliora l’attività di
recupero dei crediti (un vero piccolo grande boom con 5 miliardi di euro nel 2008). E’ ciò che emerge dalla relazione annuale dell’Inps presentata dal presidente dell’Ente, Antonio
Mastrapasqua. Alla cerimonia – presso la Camera dei Deputati – hanno partecipato il presidente della Camera, Gianfranco Fini, il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, e il sottosegretario
alla Presidenza del consiglio, Gianni Letta.

Il sottosegretario Letta nel suo intervento ha affermato che “Con 11 miliardi di attivo, quasi una finanziaria, l’Istituto rappresenta un esempio per tutto il Paese. Dà fiducia e
conforto e lascia sperare nell’avvenire del sistema previdenziale italiano”.

Il miglioramento dei risultati è da attribuire essenzialmente agli effetti del nuovo quadro macroeconomico, che nonostante l’incipiente crisi ha allargato sensibilmente la platea dei
contribuenti, italiani e stranieri che lavorano in Italia. In particolare è cresciuto il numero degli iscritti alle gestioni pensionistiche: sono ormai più di 19 milioni, con un
incremento netto di oltre 230mila soggetti ( 1,2%). A questo, si aggiunga l’incremento dei contributi versati dai lavoratori stranieri regolarizzati: ormai quasi 2 milioni di cittadini
stranieri versano contributi previdenziali nel nostro Paese.

Ma non solo. I miglioramenti dei conti derivano anche:

• dalle maggiori entrate derivanti alla lotta all’evasione ed all’elusione contributiva;

• dall’aumento dell’aliquota a carico degli artigiani, dei commercianti e dei lavoratori a progetto;

• dai nuovi requisiti di accesso al pensionamento di anzianità previsti dal 1° gennaio 2008;

• dalla nuova decorrenza programmata (le cosiddette finestre) delle pensioni di anzianità e vecchiaia;

• dal blocco della perequazione nell’anno 2008 delle pensioni superiori a 8 volte il trattamento minimo.

La spesa per pensioni nel 2008, si legge nella relazione, è risultata pari a circa 167 miliardi di euro, con un incremento netto di 4,5 miliardi di euro. E il numero delle prestazioni si
è attestato su 16.086.076, in linea (-0,26%) con quelle erogate nel corso dell’anno precedente. Accanto alle pensioni sul territorio nazionale vi sono quelle pagate all’estero, per un
numero complessivo di oltre 429mila per l’anno 2008.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento