Influenza suina, in Israele rabbini contro virus

Influenza suina, in Israele rabbini contro virus

L’ influenza suina non si combatte solo con farmaci e terapie ma anche tramite rituali cabalistici e preghiere bibliche.

Secondo il quotidiano “Ha-yom”, in Israele un gruppo di 50 rabbini cabalistici s’imbarcherà su un aereo per proteggere la salute dei propri concittadini dal virus H1N1. Giunti alla quota
di crociera, i religiosi suoneranno i corni e reciteranno salmi, per proteggere il territorio dall’azione della pandemia.

Benyahu Shmueli, capo del collegio rabbinico Nahar Shalom di Gerusalemme,  afferma come l’ influenza A sia una punizione inviata sulla Terra da Dio contro gli uomini. All’origine di tale
provvedimento vi è infatti la degenerazione dei costumi, ormai privi dell’antica moralità. In particolare, il rabbino Shmueli punta il dito contro usanze come il Gay Pride, “Uno
dei fenomeni oggi più abominevoli”; detto questo, per il religioso gli ebrei ortodossi non devono provare collera verso i laici perché questi ultimi “sono solo anime infantili,
contaminate loro malgrado”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento