INAIL e welfare: l'abbattimento delle barriere architettoniche nella scuola

Il 31 ottobre scorso, in applicazione della Finanziaria 2007, l’Inail ed il Ministero della pubblica Istruzione hanno siglato un protocollo d’intesa per l’adeguamento strutturale degli edifici
scolastici e per l’eliminazione da essi delle barriere architettoniche. A tal fine il Cda dell’Istituto ha approvato lo stanziamento di un fondo che, per il triennio 2007-2009, sarà pari
complessivamente a 100 milioni di euro.
Il presidente del Cda, Vincenzo Mungari, ha ribadito che, definendo in modo rapido gli aspetti pratici connessi al protocollo, è possibile “sfruttare al meglio le proficue sinergie tra
le Pubbliche Amministrazione per la promozione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e per la diffusione quanto più capillare della relativa cultura”.
Già nel 2007, dunque, l’Inail erogherà 30 milioni di euro e promuoverà un bando che regolerà la distribuzione dei fondi tra le Regioni a seconda del numero degli
edifici scolastici, del totale di alunni e personale, della rilevanza delle situazioni di handicap e del numero di infortuni accertati dall’INAIL sul territorio interessato.
Potranno beneficiare del finanziamento in conto capitale gli Enti locali proprietari degli edifici scolastici pubblici dedicati all’istruzione secondaria di primo grado e superiore che
presentino domanda di ammissione direttamente alle Regioni e alle Province Autonome di Trento e Bolzano entro 90 giorni dalla pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale.
Grande soddisfazione per la firma del protocollo e per l’approvazione del Cda è stata espressa dal presidente del Civ, Giovanni Guerisoli, che ha sottolineato come in questo modo “si
rafforza ancor più il ruolo specifico dell’INAIL nel welfare, in coerenza con le conclusioni dei lavori della Commissione parlamentare di controllo sugli atti degli Enti previdenziali
che ha individuato la necessità di definire accanto al polo previdenziale un polo assicurativo che avrà nell’INAIL il suo perno fondamentale”.

Leggi Anche
Scrivi un commento