In forte crescita il cavolfiore della Val Venosta

In forte crescita il cavolfiore della Val Venosta

Gli ultimi dati danno quest’anno una produzione, oltre che di ottima qualità, attorno al 25% in più rispetto al 2012, del cavolfiore della Val Venosta che dovrebbe attestarsi
sulle 2500 tonnellate, seguita dalle 3000 tonnellate tra insalate, radicchio ed altre verdure.

Si tratta di un traguardo importante per l’economia di una vallata che gode di un microclima eccezionale e che è stata favorita in primavera dal ritardo dal caldo tanto da permettere
-data la posizione geografica del luogo- di avere per tutta l’estate della verdura fresca e abbondante.

In Val Venosta operano diverse cooperative agricole. I dati che abbiamo poc’anzi citato si riferiscono alle sette cooperative associate sotto la sigla VI.P, particolarmente rispettose
dell’ambiente (operano su un territorio che va dai 500 ai 1000 metri d’altitudine con acqua purissima che scende dalle montagne) e della qualità del prodotto coltivato secondo un
disciplinare molto apprezzato dagli importatori ortofrutticoli dei paesi confinanti come del nostro paese. Il ché permette di avere una rintracciabilita molto curata. Segno di una
evoluzione produttiva molto significativa.

Bruno Breschi

Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento