In arrivo la riduzione delle rette per le Rsa

Roma – Da giugno caleranno le rette delle Residenze sanitarie assistenziali (Rsa), i centri destinati agli anziani non autosufficienti e ai malati cronici, lo ha deciso la Giunta
durante la sua ultima seduta, approvando una delibera per riequilibrare i costi del settore.

Nel Lazio sono attivi attualmente nelle Rsa oltre 1.300 letti; nella regione le rette per le Rsa sono tra le più alte d’Italia: un posto costa infatti in media circa 3.600 euro al mese,
contro i 2.400 di Emilia Romagna, Veneto e Lombardia. Il costo del posto è da dividere a metà tra il Servizio Sanitario Nazionale e il cittadino; per chi guadagna meno di 13mila
euro l’anno, la quota del malato viene erogata dal Comune di residenza.

«Siamo la Regione con le tariffe più alte d’Italia – ha spiegato l’assessore regionale alla Sanità Augusto Battaglia – È perciò necessario rimodulare l’offerta
con gradualità ed equilibrio attraverso un’azione di concertazione con le organizzazioni di categoria Aris e Aiop». «Non vogliamo penalizzare nessuno – ha continuato
l’assessore – ma è necessario portare i costi a livelli accessibili perché da quest’anno il 50% della retta pesa sul malato e sulla sua famiglia».

Leggi Anche
Scrivi un commento