In aprile è di scena, nel Ticino, la grande cucina elvetica

In aprile è di scena, nel Ticino, la grande cucina elvetica

Una volta, tanto tempo fa, s’andava in Svizzera per fare incetta dei suoi orologi, poi ci fu il periodo delle sigarette, quello del Gerovital e di seguito per altri medicinali per ridare
vigore agli organi sessuali. Fu in occasione del periodo in cui era in voga il medicinale scoperto dalla scienziata rumena che ci capitò, rientrando da Zurigo con un gruppo, di essere
fermati alla frontiera dalla nostra guardia della finanza che nell’ispezionare il pullman trovò un pacchetto sospetto invitando la proprietaria ad aprirlo. Conteneva il Gerovital.

Mentre lei s’attardava col finanziere tra i suoi compagni di viaggio fu tutto un ridere sapendo che la signora, piuttosto belloccia, era vedova…

L’altro giorno assistendo alla conferenza per la presentazione della manifestazione gastronomica “S. Pellegrino Sapori Ticino” che si svolgerà in 13 giornate, a partire dal 3
aprile fino al 22 maggio, c’è venuto in mente questo sagace episodio per dire che la Svizzera offre tante occasioni per visitarla e, in questo caso, gustarla.

Il campo di… “battaglia” è quello compreso tra Lugano, Ascona e Varallo, nel Ticino e i gourmet che tra pranzi e cene nei ristoranti di prestigiosi alberghi si sfideranno sono tra i
più stellati della Confederazione. Accanto ai cuochi locali Rolf Krapf, Dario Ranza, Gian Luca Bos, Ivo Adam, Martin Dalsass, Luigi Lanfranco e Alessio Rossi ci saranno gli appartenenti
alle Grandes Tables de Suisse che con le loro creazioni daranno ancor più tono ad un incontro annuale che, nato quasi per caso nel 2007, ha raggiunto successi e traguardi insperati.

All’edizione di quest’anno è stato dato il nome “Gourmet Made in Svizzera” in quanto va ben oltre i confini del Ticino per spaziare in tutti i cantoni. Conoscere il mangiar
svizzero è possibile partecipando a ciascuna delle 7 serate messe in programma dagli organizzatori dove oltre ai piatti che rappresentano il meglio di quella cucina (dominata, va detto,
dai sapori italiani e francesi) il biondo Merlot del Canton Ticino farà la sua parte.

L’inizio e la chiusura di questo incontro saranno coronate da serate conviviali riservate alle tradizioni culinarie ticinesi.

Tra le novità di quest’anno vanno ricordati i pranzi d’autore che avranno luogo a mezzogiorno dove cuochi della taglia di Lorenzo Albrici come di Silvio Galizzi, Stefan Nowaczyk e
Alessandro Fumagalli, utilizzando prodotti naturali locali, offriranno dei piatti d’alto rango.

Da due anni accanto a “Sapori Ticino” è stato aggiunto “San Pellegrino” in quanto maggior sponsor di quest’incontro; sponsorizzazione che vogliamo sperare sia mantenuta a lungo.

Se sui tavoli dei ristoranti d’Europa e di gran parte del globo l’eau gazeuse con la stella rossa difficilmente manca a maggior ragione la troveremo sui tavoli del ticino.

Tanti altri sono gli sponsor ,in primis gli enti turistici svizzeri, perché venendo in aprile in quest’angolo contornato da delle belle montagne si può godere anche del risveglio
della natura con i suoi bei colori.

Informazioni: S. Pellegrino Sapori Ticino 2011 Tel. 0041 91 9760600

Bruno Breschi
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento