IL PRESIDENTE CHE VERRA’ di Lucio Dalla

IL PRESIDENTE CHE VERRA’ di Lucio Dalla

Caro Mario Rossi ti scrivo così mi distraggo un po’

Geoge Bush è finito ormai.

Un uomo nero tutto cambierà.

 

Sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno,

ogni Cristo scenderà dalla croce

anche i capitali faranno ritorno.

 

Ci sarà da mangiare e ferie tutto l’anno,

anche i picciotti potranno parlare

mentre i pentiti già lo fanno.

 

E si farà l’amore ognuno come gli va,

anche i preti potranno sposarsi

ma soltanto se sono papà,

e senza grandi disturbi qualcuno sparirà,

saranno forse i troppo ricchi

e i mariti di ogni età.

 

Vedi caro Mario cosa ti scrivo e ti dico

vedi caro Mario cosa si deve inventare

per continuare a sperare che se esce il nero:

 

– se esce il nero: più nessuno avrà motivo di piangere

– se esce il nero: le banche azzereranno i tassi d’interesse

– se esce il nero: i politici si autodimezzeranno gli stipendi

– se esce il nero: i piloti Alitalia chiederanno scusa a Colaninno

– se esce il nero: i contribuenti faranno la fila per pagare le tasse

– se esce il nero: ci sarà stipendio per tutti, senza lavorare

– se esce il nero: verrà messa una pezza al buco nell’ozono

– se esce il nero: sole, pioggia e neve saranno a chiamata, con telecomando

– se esce il nero: Berlusconi crescerà di 20 cm e potrà abbraccare Obama

– se esce il nero: Brunetta un po’ di più ma avrà l’aiuto dei Funzionari del Vaticano

– se esce il nero: Felipe Massa vincerà il mondiale 2008 con la macchina del tempo

– se esce il nero: i risparmiatori italiani riavranno tutto il maltolto

– se esce il nero: la Gelmini sarà portata in trionfo dagli studenti e dagli insegnanti

– se esce il nero: si farà il ponte sullo stretto

– se esce il nero: ed anche tra Lampedusa e Tripoli, senza frontiera

– se esce il nero: gli ospedali chiuderanno, per mancanza di malati

– se esce il nero: sarà vietato morire

– se esce il nero: la Repubblica Cinese subirà la concorrenza della Repubblica di San Marino

….e se uscisse il Bianco? Tranquilli, cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia!

(Giovanni D’Alessandro per Newsfood.com)

Leggi Anche
Scrivi un commento