Il pomodoro di Pachino è in mano alla mafia. O no?

Il pomodoro di Pachino è in mano alla mafia. O no?

Il pomodoro di Pachino è un prodotto controllato dalla mafia. Perciò, i consumatori non dovrebbero acquistarlo, per almeno due giorni.

Questo l’invito rivolto agli spettatori di Bontà loro, talk show di Maurizio Costanzo in onda su Rai 1.

L’affermazione ha suscitato reazioni sdegnate e proteste: in prima fila, Roberto de Benedictis, deputato regionale Pd.

De Benedictis ammette intorno ai pomodorini in questione ci siano cose poco chiare, come la grande differenza tra prezzi (molto bassi) a cui i produttori vendono e prezzi (molto alti) di
acquisto. E, “Non sarebbe difficile, per giornalisti seri, conoscere e raccontarne le vere cause ed i veri responsabili di questa distorsione”.

Questione totalmente diversa il parlare di pomodori in base alla mafia. Per De Benedictis, l’affermazione è totalmente priva di riscontri giudiziari. Conclude deciso il politico:
“Invitare i consumatori a non comprare il nostro prodotto per due giorni è una inedita ed inaudita manomissione del mercato a danno di produttori onesti”.

FONTE: D.C.,”Pomodorino Pachino in mano a mafia” Bufera su Rai1, De Benedictis: “Inaudito”, Il giornale di Siracusa, 04/02/011

GUARDA il video (sito di Rai.tv)

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento