Il FMI taglia le stime sul PIL mondiale del 2008

Il Fondo monetario internazionale rivede al ribasso le stime sulla crescita dell’economia mondiale che nel 2008 si attesterà al 4,1 per cento, tre decimi di punto in meno rispetto alle
previsioni di ottobre. Secondo l’istituto la frenata porterà il pil degli Stati Uniti all’1,5 per cento, contro l’1,9 previsto in ottobre.

ZONA EURO – In zona euro la previsione parla di una crescita dell’1,6 per cento, con un taglio dello 0,5 rispetto ad ottobre. I paesi emergenti, Cina in testa, continueranno a crescere
malgrado il rallentamento. 6,9 la previsione sulla crescita nel 2008 con una limatura dello 0,2 per cento sulle stime autunnali.

CRISI DEI MUTUI – Il Fmi ha messo anche in guardia sulla persistenza dei problemi della finanza internazionale che, generata dalla crisi dei mutui americani, ha contagiato l’intero
settore del credito e, di riflesso, il contesto generale dell’economia.

Leggi Anche
Scrivi un commento