Il consiglio di stato sulle coltivazioni transgeniche: “Completare le procedure di autorizzazione”

Il consiglio di stato sulle coltivazioni transgeniche: “Completare le procedure di autorizzazione”

Il Consiglio di Stato ha ordinato di completare le procedure di autorizzazione alla coltivazione di mais geneticamente modificato bloccate, come ha affermato il ministero delle Politiche
agricole, “nelle more dell’adozione da parte delle Regioni delle norme idonee a garantire la coesistenza tra colture convenzionali, biologiche e transgeniche”.

La decisione del Consiglio di Stato costituisce una novità di tutto rilievo – commenta il presidente di Confagricoltura Federico Vecchioni -. Adesso l’Amministrazione ha novanta giorni
per dare una risposta alle migliaia di agricoltori che vogliono sapere se è possibile o meno utilizzare anche in Italia le moderne biotecnologie di cui tutto il mondo, ma anche altri
Paesi europei, usufruiscono”.

Si sblocca così l’impasse che caratterizza la vicenda nel nostro Paese. Sono anni, infatti, che non si provvede a disciplinare la materia rinviando il problema. L’episodio più
recente è lo stopalle “linee guida” in materia di coesistenza che stavano per essere approvate dalla Conferenza Stato Regioni.

In Italia non si possono utilizzare, né per la coltivazione né per la sperimentazione quelle varietà transgeniche che hanno già ottenuto l’autorizzazione da parte
delle istituzioni comunitarie per la parte che attiene agli aspetti sanitari ed ambientali.

“Il paradosso italiano – prosegue Vecchioni – è che, mentre si importano e si utilizzano notevoli quantità di derivati di mais e soia transgenici, ai nostri produttori si
impedisce da anni di accedere a tali innovazioni. Con un ostracismo ideologico che richiama quel ‘no al nucleare’ che tanto è costato negli ultimi anni al sistema Paese. Intanto il
contatore delle perdite dei maiscoltori continua a girare e anche la ricerca scientifica italiana rimane al palo”.

Leggi Anche
Scrivi un commento