Il Cnr dice due volte: buon compleanno Rita

Il Cnr dice due volte: buon compleanno Rita

Il Cnr festeggia il centenario di Rita Levi-Montalcini due volte: con un convegno scientifico che si terrà il 21 aprile, presso la sede dove la professoressa continua a lavorare, e un
incontro più istituzionale, in Campidoglio, il 22 aprile. Due manifestazioni di rilievo internazionale, cui parteciperanno studiosi di ogni parte del mondo e alle quali lo stesso Premio
Nobel ha assicurato la presenza.

L’evento del 21 aprile sarà dedicato all’NGF, il Nerve growth factor (Fattore di crescita nervosa), la proteina per la cui scoperta la prof.ssa Levi-Montalcini ha ricevuto il Nobel. Il
convegno, dal titolo «One day meeting on nerve growth factor: from sarcoma 180 to clinical applications» si terrà a Roma, presso l’EBRI (European Brain Research Institute), il
centro di ricerca scientifica internazionale sulle neuroscienze fondato dalla Levi-Montalcini (in via del Fosso di Fiorano n. 64, dalle ore nove).

Organizzato dal dr. Luigi Aloe, ricercatore dell’Istituto di Neurobiologia e Medicina Molecolare del Cnr e dal 1969 allievo della professoressa, vi parteciperanno studiosi italiani e provenienti
da USA, Canada, Bulgaria, Germania, Svezia, Israele e Gran Bretagna.

«Si discuterà dell’intuizione originaria della Levi-Montalcini e dell’importante ruolo della molecola NGF nel comportamento aggressivo, nell’ansia (compresa quella
dell’innamoramento), nella risposta allergica e nei meccanismi delle cellule cardiovascolari», spiega il dr. Aloe. «Si presenteranno inoltre i più recenti risultati relativi
all’azione terapeutica e clinica del NGF nelle patologie umane, quali le ulcere della cornea, della cute (incluse quelle da decubito) e nei processi neurodegenerativi cerebrali nel morbo di
Alzheimer». L’ingresso e la partecipazione al convegno sono libere.

Il secondo convegno, dal titolo «The Brain in Health and Disease» si terrà il 22 nell’Aula di Giulio Cesare e nella Sala della Protomoteca del Palazzo Senatorio in piazza del
Campidoglio. E’ organizzato per la fondazione EBRI da un comitato scientifico internazionale, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il contributo di Consiglio Nazionale
delle Ricerche, Regione Lazio, Comune di Roma, Provincia di Roma. Direttore scientifico il prof. Piergiorgio Strata dell’Università di Torino.

Apriranno i lavori il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Maria Stella Gelmini e il sottosegretario di Stato al Lavoro, alla Salute e alle Politiche Sociali, prof. Ferruccio
Fazio, assieme al presidente del Cnr, prof. Luciano Maiani. Tra le autorità politiche che saranno presenti, il sindaco di Roma Gianni Alemanno, il governatore Piero Marrazzo, il presidente
della Provincia Nicola Zingaretti.

«Rita Levi-Montalcini rappresenta un punto di riferimento per tutta la scienza italiana», afferma il presidente Maiani, che ricorda come il Cnr per primo, nel 1963, offrì alla
scienziata italiana, di ritorno in Italia dopo 15 anni negli Stati Uniti, un posto stabile dove continuare a fare ricerca. «Già allora, e ancor più oggi – continua Maiani –
Rita Levi-Montalcini è considerata dagli scienziati italiani un nume tutelare della ricerca del nostro Paese, per il suo prestigio e per il suo attaccamento alla scienza».

Nella prima sessione del convegno parleranno tre Premi Nobel: il biochimico statunitense Stanley Cohen, che ha vinto il premio nel 1986 per gli studi sull’NGF assieme alla professoressa Rita
Levi-Montalcini, l’israeliano Aaron Ciechanover e lo svedese Torsten Wiesel. Al convegno saranno poi presentati gli studi di altri scienziati italiani e stranieri. I lavori termineranno alle
17,30 con il Concluding speech della professoressa Rita Levi-Montalcini.

Leggi Anche
Scrivi un commento