Il 10% dei lavoratori agricoli sono extracomunitari

Il 10% dei lavoratori agricoli sono extracomunitari

Con circa il 10 per cento di extracomunitari sul totale dei lavoratori agricoli è nelle campagne dove la presenza di immigrati evidenzia una incidenza tra le più elevate dei
diversi settori economici.

E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento alla prescrizione del Comitato per la sicurezza in agricoltura di Mantova per la prevenzione dai rischi da colpi di calore a garanzia della
sicurezza sul posto di lavoro.

Sono 98.155 i rapporti di lavoro in agricoltura identific ati come extracomunitari negli archivi INPS ed appartengono a ben 155 diverse nazionalità anche se a trasferirsi in Italia per
lavorare in agricoltura – sostiene la Coldiretti – sono principalmente nell’ordine gli albanesi (15 per cento), i rumeni (12 per cento) e a sorpresa gli indiani (10 per cento) ma anche molti
lavoratori provenienti da paesi di religione islamica.

Si tratta di numeri che – conclude la Coldiretti –  dimostrano come il settore agricolo sia spesso un momento importante per l’integrazione di lavoratori provenienti dalle diverse
realtà culturali e religiose

Leggi Anche
Scrivi un commento