I lamponi riducono il rischio cancro al colon: meno 60%

I lamponi riducono il rischio cancro al colon: meno 60%

Nel gelato, nello yogurt o sotto forma di marmellata: comunque vengano mangiati, i lamponi riducono l’incidenza del cancro al colon, fino al 60%.

E’ quanto sostiene una ricerca dell’Università dell’Illinois (di Chicago, USA), diretta dal dottor Wancai Yang e pubblicata su “Cancer Prevention Research”.

Gli scienziati hanno lavorato con topi, divisi in due gruppi, diversi per caratteristiche fisiche e genetiche. Il primo gruppo era infatti geneticamente predisposto al tumore al colon, il
secondo alla colite, infiammazione dell’intestino crasso che può favorire il tumore.

I roditori hanno poi ricevuto un trattamento alimentare differenziato. Alcuni sono stati nutriti con una dieta “occidentale” (molti grassi, poco calcio e vitamina D) con l’aggiunta
d’integratori a base di lamponi neri. Altri, invece, hanno consumato solo la dieta base.

Dopo 12 giorni di osservazione, Yang e compagni hanno notato come, di base, il frutto di bosco avesse ridotto nei topi consumatori il rischio di cancro del 45%. Tuttavia, i benefici erano stati
più evidenti nel primo gruppo (quello sensibile al tumore al colon): meno 60%, contro il meno 50% del secondo (quello sensibile alla colite).

Secondo gli esperti, il possibile effetto anti-cancro dei lamponi è dovuto al loro contenuto di antiossidanti ed antinfiammatori.

FONTE: Xiuli Bi, Wenfeng Fang, Li-Shu Wang, Gary D. Stoner, and Wancai Yang, “Black Raspberries Inhibit Intestinal Tumorigenesis in Apc1638+/− and Muc2−/− Mouse Models
of Colorectal Cancer”, Cancer Prev Res 1940-6207.CAPR-10-0124; Published OnlineFirst November 2, 2010; doi:10.1158/1940-6207.CAPR-10-0124

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento