I cannabinoidi modificano i sapori

I cannabinoidi modificano i sapori

Un particolare tipo di cannabinoidi, gli endocannabinoidi (sostanze simili al THC, principio attivo della Marijuana) , agisce modificando la percezione di gusto e sapore.

A dirlo, una ricerca del Monell Centre e della Kyushu University, diretta dal dottor Robert Margolskee e pubblicata da “Proceedings of the National Academy of Sciences”.

Il dottor Margolskee e colleghi hanno lavortato con alcuni topi da laboratorio, focalizzandosi sul (potenziale) effetto della somministrazione di cannabinoidi sulla percezione del gusto.

Essi hanno notato come tali sostanze aumentassero la percezione del sapore dolce; al contrario, gli altri sapori (umami, amaro, salato,aspro) non fossero influenzati. Quando però si
utilizzavano animali con i recettori dei cannabinoidi spenti, non si verificava nessun effetto particolare.

Spiega il dottor Margolskee: “Le nostro cellule del gusto potrebbero essere più coinvolte nel regolare il nostro appettito di quanto creduto finora. Capire meglio le forze che spingono a
mangiare, anche in eccesso, possono portare ad interventi per colpire la crescita di obesità e malattie collegate”.

LINK alla ricerca

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento