Gravidanza: se la madre ha la nausea, il figlio sarà più intelligente

Gravidanza: se la madre ha la nausea, il figlio sarà più intelligente

La nausea sarà sgradevole ma può rivelarsi anche positiva: se la madre soffre di tale disturbo, il bebè svilupperà un quoziente d’intelligenza più elevato.

Questo emerge da uno studio dell’Hospital for Sick Children di Toronto, condotto dalla dottoressa Irene Nulman e pubblicato sul “Journal of Pediatrics”.

La squadra della dottoressa Nulman ha lavorato con gruppi di bambini (età 3-7 anni) e le loro madri, divise in tre gruppi: quelli che sofferenti di nausea avevano preso un farmaco contro
di essa, quelle che avevano sofferto di nausea e non avevano preso farmaci e quelle che non avevano sofferto di nausea e basta.

Gli studiosi hanno così notato come la nausea delle donne (sia trattata con farmaci che lasciata “al naturale”) aveva effetti positivi sui bambini. I soggetti le cui madri avevano avuto
episodi di nausea mostravano un miglior rendimento in vari ambiti cognitivi ( linguistico, matematico etc) rispetto ai colleghi, pur essendo anch’essi d’intelligenza normale. Tali risultati
sono stati depurati da eventuali fattori di disturbo, come il reddito dei genitori o la loro istruzione.

Per la dottoressa Nulman e collaboratori, il possibile vantaggio della nausea e la sua capacità di ridurre l’alimentazione (e quindi le calorie ingerite). Questo farebbe calare i livelli
d’insulina e di conseguenza andrebbe a modificare alcuni ormoni della gestante, responsabili della crescita del cervello del feto.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento