Gravidanza: l’acido folico migliora l’umore del bambino

Gravidanza: l’acido folico migliora l’umore del bambino

L’acido folico difende i bambini da disturbi emotivi: tuttavia, per fare effetto, deve essere assunto nei primi mesi di gravidanza.

E’ il contenuto di una ricerca dell’Erasmus Medical Center (di Rotterdam, Paesi Bassi), diretta dal dottor Henning Tiemeier e presentata all’European Nutrition Conference di Madrid.

L’acido folico appartiene al gruppo delle vitamina B ed è presente dei vegetali a foglia verde. Riguardo la gravidanza, studi precedenti hanno mostrato come, in quantità corretta,
tale nutriente protegga il bimbo dai diverse malattie, come il disturbo da spina bifida.

Allora, l’equipe dell’Erasmus Medical Center ha soppesato l’azione dell’acido folico contro i disturbi comportamentali ed emozionali.

A tale scopo, i ricercatori dei Paesi Bassi sono entrati in un gruppo internazionale, che valutava come la dieta delle madri influenzasse lo sviluppo dei figli. Tra i nutrienti esaminati, acido
folico, poi ferro ed omega-3.

In base all’osservazione, le donne gravide che non assumevano (o assumevano poco) acido folico on gravidanza avevano maggiori probabilità di partorire figli con problemi emozionali,
visibili intorno ai 18 mesi d’età.

Commentando i risultati, il dottor Tiemeier si dice d’accordo con le norme di numerosi Paesi UE, che spingono la donna al consumo di acido folico, prima della gravidanza e nei primi tre mesi.

FONTE: “Folic acid may help toddler behaviour”, 07/11/011 irishealth.com

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento