Giovani e cultura: l'impegno della Toscana per chi vive all'estero

Firenze – Al primo posto i giovani. E come prima cosa la lingua e la cultura della Toscana, è questo l’impegno più consistente del programma di attività 2008 per i
Toscani all’Estero varato dalla giunta regionale che ha approvato un programma complessivo di attività per 805 mila 309 euro.

Alle attività destinate ai giovani sono stati assegnati 432.934 euro, pari al 53,76% del budget complessivo. Cinque le tipologie di intervento finanziate, quasi tutte di carattere
formativo e culturale. L’intervento più importante, pari a 320.865 euro, riguarda infatti corsi di formazione linguistico culturale, della durata di 2-4 settimane (a secondo che la
residenza sia in Europa o Oltreoceano) per i quali la Regione paga non solo la frequenza al corso ed il soggiorno in Toscana oltre alla partecipazione alle iniziative in programma, ma copre al
50% anche le spese di viaggio.

Due volte all’anno le domande, da inviare all’Ufficio dei Toscani all’Estero – Settore Attività internazionali della Regione Toscana (Via Martelli 6 Firenze). Entro il 30 aprile per i
corsi da fruire in estate; entro il 31 agosto per quelli invernali. Per il 2008 si stima una presenza nella terra d’origine di circa 100 giovani Toscani provenienti dall’estero che seguiranno
questi corsi.
Sempre all’interno delle iniziative culturali per i giovani sono state inoltre stanziate risorse per borse di formazione professionale intitolate a Mario Olla, master post universitari e per le
attività del Forum dei Giovani Toscani all’estero che verranno stabilite dagli stessi giovani.

Dopo i giovani ecco anche le iniziative per i «senior» con un totale di finanziamenti pari a 201.166 euro, pari al 24.98% del budget complessivo. In questo ambito rientrano i
contributi per i progetti socio culturali promossi dalle associazioni e le attività delle associazioni stesse. Seguono ancora gli interventi sociali (9,87%) con le attività di
supporto per i toscani che dovessero trovarsi in condizioni disagiate all’estero, i contributi per il rientro definitivo degli emigrati e quelli per i soggiorni in Toscana degli anziani. Un
ulteriore fetta del budget, pari al 9,39% del totale, è infine destinata ad iniziative in campo culturale, della ricerca e della documentazione che comprendono fra l’altro progetti
speciali della giunta regionale, il museo regionale sull’emigrazione «Gente di Toscana» e la celebrazione annuale della Giornata dei Toscani all’estero. Un evento questo che
è giunto ormai alla sua quinta candelina e che nel 2008 sarà affiancato dalla ricorrenza del 30° anniversario della Consulta dei Toscani all’estero.

Dopo le quattro edizioni precedenti (2004-2007) tenutesi rispettivamente in Lunigiana, nelle Montagne pistoiesi, in Garfagnana ed in Valtiberina, la 5° giornata dei Toscani all’estero si
terrà a Capannori, in provincia di Lucca. La manifestazione, che coinvolge una terra di particolare significato nelle storia dell’emigrazione toscana, si terrà nella prima
metà di settembre e coinvolgerà le comunità dei Toscani all’estero, le istituzioni locali della Toscana, le rappresentanze di Università, istituti ed associazioni
del settore e naturalmente la cittadinanza interessata.

Leggi Anche
Scrivi un commento