Cosa bolle in pentola?

Cosa Bolle in pentola è la prima indagine di respiro regionale sui giovani pugliesi, la ricerca è stata realizzata dal Dipartimento di Scienze Storiche e Sociali
dell’Università degli Studi di Bari e finanziata dalla Regione Puglia – Assessorato alla Trasparenza e alla Cittadinanza Attiva, nell’ambito del programma Bollenti Spiriti.

Cosa Bolle in Pentola si è rivolta a quell’universo magmatico e cangiante costituito dalla popolazione giovanile tra i 16 e i 32 anni alla ricerca di esperienze significative,
individuali e collettive, nei campi dell’istruzione e della formazione, del lavoro, della creatività e del potenziale di innovazione, della partecipazione alla cittadinanza attiva e del
nuovo rapporto dei giovani coi luoghi.

La ricerca ha voluto indagare su risorse e bisogni dei giovani pugliesi nel complesso percorso di ricerca dell’autonomia e di transizione verso l’età adulta, sulle nuove forme di
partecipazione e protagonismo giovanile e sui servizi e i progetti di politiche giovanili realizzati sul territorio regionale.
L’evento di presentazione di Cosa Bolle in Pentola è rivolto ad enti pubblici, scuole, università, associazioni, agenzie di formazione e orientamento.
E naturalmente a tutti i giovani e a tutti coloro che lavorano con loro.

PARTECIPANO:
Prof. Corrado Petrocelli – Magnifico Rettore, Università degli Studi di Bari
Prof. Luigi Masella – Direttore del Dipartimento di Scienze Storiche e Sociali, Università degli Studi di Bari
Prof. Franco Chiarello – Ordinario di Sociologia dei processi economici, Università degli Studi di Bari
Prof. Daniele Petrosino – Coordinatore scientifico della ricerca, Università degli Studi di Bari
Prof. Gugliemo Minervini – Assessore Regionale alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva

Leggi Anche
Scrivi un commento