Giappone. La tecnologia contro gli eccessi a tavola

Giappone. La tecnologia contro gli eccessi a tavola

Uno strumento tecnologico, semplice da usare ed accurato nelle misurazioni, in grado di aiutare gli individui nel regolare la propria alimentazione contro gli eccessi.

E’ l’obiettivo di una ricerca (in corso) di Tanita, azienda del Giappone specializzata nelle apparecchiature mediche.

Il frutto attuale del lavoro degli scienziati nipponici è un prototipo dalla forma simile ad un termometro, di modeste dimensioni: diametro di 3,7 centimetri e lunghezza di 17,6.
L’utilizzo è semplice: dopo aver mangiato, il possessore analizza le proprie urine con lo strumento, che rileva in maniera istantanea il livello degli zuccheri. Nelle intenzioni dei
creatori, tale dato dovrebbe aiutare a decidere sull’alimentazione in maniera più consapevole.

Secondo la tabella di marcia, l’apparecchio dovrebbe essere pronto tra due anni ed essere venduto per circa 10.000 yen. Attualmente, sono in corso test con 200 persone tra i 30 e i 60 anni.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento