Francia. Rivoluzione McDonald’s: i camerieri servono ai tavoli

Francia. Rivoluzione McDonald’s: i camerieri servono ai tavoli

Da sempre, McDonald’s vuol dire fast food. Dal 1940, quando la cittadina di San Bernardino vide l’apertura del primo ristorante, l’azienda puntato senza se e senza ma sul self service.

Tuttavia, i tempi cambiano, ed il cambiamento può essere vantaggioso.

Così, McDonald’s in Francia serve ai tavoli: un esperimento a durata limitata, ma dai risultati positivi. Spiega Jean-Pierre Petit, presidente di McDonald’s France, intervistato dal
“Figaro”: “Sperimentiamo il servizio al tavolo in 50 ristoranti fino alla fine del 2011. I risultati sono ottimi, e quindi pensiamo che estenderemo il nuovo modello a tutti i McDonald’s
francesi nel 2012”.

Da sempre, per McDonald’s la terra d’Oltralpe è stato croce e delizia.

Da un lato, gli abitanti hanno osteggiato i suoi prodotti, visti come invasori mal sopportati: i contestatori più accesi, come l’agricoltore Josè Bovè, godono di un largo
seguito.

Dall’altro, bibite hamburger, hot dog e compagnia vendono molto: per McDonald’s, la Francia è il secondo mercato, dopo gli USA. La possibilità di buoni affari ha richiamato altre
aziende. Ad esempio Starbucks, che ha lì installato macchinette per l’ordinazione ed il servizio self-service.

L’innovazione e la qualità dell’offerta diventano fondamentali per non cedere terreno alla concorrenza.

Gli esperti di McDonald’s hanno notato come, se la passione per il fast food accomunava francesi ed americani, il modo di consumarlo li divideva.

I cittadini USA vanno nei locali senza un orario preciso, puntano sul takeaway (70%) e mangiano da soli. I transalpini invece mangiano nelle ore tradizionali (70% scelgono pranzo e cena),
consumano il pasto in loco, meglio se in compagnia.

Da qui l’idea di rompere col passato e introdurre il servizio ai tavoli: cambiare (il servizio) per mantenere (il successo).

FONTE: Michael Cosgrove, “McDonald’s France is successfully testing table service”, Mon Figaro 04/02/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento