Fiumicino: posa della prima pietra per l'ampliamento del Poliambulatorio di via Coni Zugna

Roma, 26 Gennaio 2008 – Partono, oggi, i lavori per l’ampliamento del poliambulatorio di via Coni Zugna, a Fiumicino, l’ala di nuova edificazione, occuperà complessivamente 300
metri quadri, verrà realizzata per ospitare la Casa della Salute ed ospitare il Nucleo di Cure Primarie.

E’ prevista l’attivazione del servizio di endoscopia digestiva e un’area da destinare all’attività specialistica intramoenia. Sarà importante anche l’attivazione del servizio per
le malattie endocrine e metaboliche, con particolare attenzione al diabete, e quella dell’area operatoria per interventi di chirurgia ambulatoriali. Saranno incrementate le ore specialistiche
per la radiologia diagnostica fino a 12 ore giornaliere.

Il termine lavori e’ previsto entro 12 mesi ed il costo complessivo ammonta a 1,7 milioni di euro.

«Questi servizi – ha detto il direttore generale della Asl RmD Giusy Gabriele – sono di fondamentale importanza per la cittadinanza perche’ assicurano l’accesso rapido all’assistenza
sanitaria nelle 24 ore»

«La nuova opera a Fiumicino rappresenta la nuova fase che abbiamo imboccato nella sanità del Lazio – ha detto il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo, intervenendo alla
posa della prima pietra insieme all’assessore alla Sanità, Augusto Battaglia. «Porteremo a termine – ha aggiunto – un grande numero di opere nella Regione, pensate 8-10 ani fa e
che i cittadini attendono. La sfida che ci attende e’ quella di una sanita’ che deve migliorare sul territorio, in termini di accoglienza, dopo aver imboccato già la strada giusta
occupandoci di liste d’attesa, medicina d’urgenza, edilizia sanitaria.

Marrazzo ha poi rimarcato come «la sanità non abbia colore politico: in questo senso ho posto il tema nazionale sui criteri di nomina dei direttori generali: mai piu’ devono avere
un sapore di bandiera o di parte, come pure è necessario individuare nuovi criteri per la nomina dei primari».

Il programma regionale prevede di aprire queste strutture in ogni Asl. Complessivamente per questa realizzazione sono disponibili 24 milioni di euro.

Leggi Anche
Scrivi un commento