Fatuzzo (Partito Pensionati): Basta con Alitalia, si difenda il ” carrello della spesa”

 

“Per gli italiani diventa sempre più difficile vivere – ha dichiarato il segretario nazionale del Partito Pensionati, on. Carlo Fatuzzo – e
l’assurdo aumento di pane e pasta , insieme a tanti altri prodotti, sta mettendo a dura prova lo spirito di sopportazione del popolo italiano”.

“Aumenti che appaiono ingiustificati, dal momento che il prezzo del grano è dimezzato , e che evidenziano la presenza di forti attività speculative”.

“Ora “ mister prezzi” – ha sottolineato Fatuzzo – convoca i maggiori produttori di pasta, ma con quali poteri di reale intervento?”

“La realtà vera è che il Governo deve assumere iniziative serie e concreto – a giudizio del Partito Pensionati – come il blocco dei prezzi
per i prodotti di prima necessità. Milioni di pensionati non ce la fanno più a vivere con 500/6oo Euro al mese – ha rimarcato il leder del Partito Pensionati-
ed il moltiplicarsi dei piccoli furti nei supermercati sono la spia di una situazione che sta degenerando e che non presenta, nell’immediato alcuna prospettiva di svolta
positiva”.

“L’inflazione sta diminuendo, ma non certamente per i prodotti di prima necessità, semplicemente perché vi sono sempre meno soldi ed i
consumatori concentrano le poche risorse per l’acquisto dell’indispensabile”.

“Il nostro Paese si deve confrontare quotidianamente con la chiusura di piccole e medie industrie, con la cassa integrazione di migliaia e migliaia di lavoratori e con i
problemi di tanti cittadini rimasti senza lavoro, senza ammortizzatori sociali , che non sono più né lavoratori, né pensionati”.

“Il costo della vita sta diventando insopportabile, le fasce sociali deboli che diventano sempre più deboli, la crisi nel mondo del lavoro , i giovani che per primi
pagano le conseguenze di questa crisi, richiederebbero ben altra attenzione da parte del Governo che allarga la borsa per Alitalia – ha concluso Fatuzzo – ma che poco
fa per il “ carrello della spesa”.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento