Vedi altri articoli su FICO (clicca qui)

Bologna, 9 novembre 2017

Presentazione ufficiale alla stampa di Fico eataly World.

Apertura al pubblico il 15 novembre

 

di Giuseppe Danielli

E’ indubbiamente un parto difficile, direi podalico e carpiato. Ci voleva proprio un matto come Oscar per ipotizzare di mettere d’accordo tante forze “biodiverse” e realizzare un progetto così grande. Si è messo in gioco, schiacciando sull’acceleratore del “pensiamo in grande”, come aveva già fatto con Unieuro, e poi con Eataly. Nell’intervento in video qui allegato -che riproponiamo nella sua integralità- Oscar ha superato se stesso con argomenti puntuali ed eneccepibili, tutto a braccio.

La conclusione mi ha particolarmente colpito perchè ha ricalcato quella che ha fatto proprio 10 anni fa a Torino, quando presentò il primo Eataly aperto al Lingotto.

Rivolgendosi ai giornalisti: “abbiamo bisogno di voi, scrivete tanto” (…e bene, aggiungiamo noi, perchè le polemiche e le critiche negative non portano a nulla di positivo).

 

Oscar Farinetti non è un missionario ma si sta rivelando un mercante capace di fare business, portando benessere al territorio teatro dei suoi commerci.

Gli imprenditori di Bologna, Emilia Romagna e Italia possono godere di questo “microclima” economico che può ingrandirsi sempre più, in particolare se si riuscirà a portare clienti dall’estero.

Per questo, ribadiamo che un’impresa del genere, così mastodontica non può essere perfetta ma dobbiamo essere tutti coesi per un bene comune.
Personalmente ringrazio Oscar per averci fatto entrare in questo sogno, un’opportunità che potrà permetterci di fare risollevare le piccole e medie imprese italiane, salvaguardando le nostre tradizioni e le nostre biodiversità

Giuseppe Danielli
Direttore E Fondatore Newsfood.comn