Energy drink: troppa caffeina, pericoli per bambini e ragazzi

Energy drink: troppa caffeina, pericoli per bambini e ragazzi

Gli energy drink devono essere assunti con consapevolezza e moderazioni. E tali principi sono particolarmente validi per i bambini e gli adolescenti: i consumatori più appassionati, ma
anche i soggetti più vulnerabili alle dosi di caffeina delle bibite in questione.

Al tema è dedicata una ricerca dell’Università di Miami e della Leonard M. Miller School of Medicine, (entrambe in Florida, USA) diretta dal dottor Stephen Lipshultz e pubblicata
su “Pediatrics”.

Il team di Lipshultz sostiene come, di base, gli energy drink sia bevanda apprezzata dai giovani, consumata dal 30 al 50% della fascia di mercato che comprende adolescenti e giovani adulti.
Tuttavia, tali prodotti contengono caffeina in quantità variabile e, causa l’assenza normativa, spesso in dosi elevate.

Mettendo assieme la presenza (notevole) di tale sostanza ed il consumo notevole, si verificano effetti collaterali che vanno dalle palpitazioni cardiache all’epilessia, fino all’infarto ed alla
morte improvvisa. Gli studiosi sostengono come nel 2007 gli energy drink abbiano causato 5.448 overdosi da caffeina, il 19% riguardanti soggetti under 19.

Perciò, Lipshultz non ha dubbi: “Noi scoraggiamo l’uso di queste bevande da parte di bambini e adolescenti; inoltre dovrebbero essere messe in campo leggi più restrittive sul
contenuto di caffeina e una piu’ accurata sorveglianza tossicologica”.

La ricerca ha suscitato il commento negativo di Assobibe, associazione di Confindustria che rappresenta, tutela e assiste le imprese italiane produttrici di bevande analcoliche.

Un suo portavoce ha infatti criticato l’indagine accusandola di “Perpetuare la cattiva informazione sugli Energy drink e gli ingredienti che li compongono”. Inoltre, il portavoce ha fatto
presente come in Italia il livello di caffeina “nella maggior parte degli Energy drink confezionati in lattina da 250ml in commercio e’ simile a quella presente in una tazzina di caffè”.
In più, nel rispetto della legislazione nazionale ed europea, sulla confezione degli energy drink “E’ riportata in etichetta la quantità di caffeina contenuta ed e’ presente una
chiara indicazione ‘tenore elevato di caffeina”.

E’ stato inoltre ricordato come “La stessa Fda, Food and drug administration, ha concluso che non esistono prove che l’uso di caffeina nelle bevande abbia effetti negativi sulla salute, e
più di 140 Paesi ne consentono l’uso a differenti concentrazioni, nelle bibite”. In generale, poi, “Come per il caffè, le bevande contenenti caffeina non sono consigliate a
persone particolarmente sensibili, tra le quali i bambini’.

FONTE: Sara M. Seifert, , Judith L. Schaechter, Eugene R. Hershorin, Steven E. Lipshultz, “Health Effects of Energy Drinks on Children, Adolescents, and Young Adults”, PEDIATRICS
(doi:10.1542/peds.2009-3592)

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento