EGO Airways: l’aeroporto di Parma, una grande opportunità

EGO Airways: l’aeroporto di Parma, una grande opportunità

Il primo volo di linea alla volta dell’aeroporto Giuseppe Verdi di Parma decollerà alle 13 del 28 marzo da Catania. E, nel giro di pochi giorni, lo seguiranno altri collegamenti per Bari e Lamezia Terme.

EGO Airways ha scelto proprio Parma, la Capitale italiana della Cultura 2021 prima Città Creativa UNESCO per la gastronomia, per lanciare una nuova serie di collegamenti tra il Nord e il Sud del Paese.

«Questo è un investimento importante in un momento cruciale dove è decisivo stringere alleanze forti e durature per il futuro – ha sottolineato l’azionista di maggioranza di EGO Airways, Marco Busca. – I collegamenti sono un asset fondamentale per lo sviluppo socio-economico delle industrie emiliane e di Parma, in particolare, che hanno dimostrato, anche in passato, di saper modificare il proprio modello al fine di una sostenibilità economica duratura anche in condizioni particolarmente sfidanti».

Il presente, con la concretezza dei numeri

E che si tratti di una sfida di grande rilevanza per l’aeroporto parmense lo ribadiscono i numeri: i nuovi collegamenti settimanali saranno 1485.000 i posti passeggeri in più e notevole l’incremento di spazio cargo sia per Catania, raggiunta da un volo giornaliero, sia per gli altri scali.  Attualmente, sono già prenotabili 4 voli alla settimana per Bari e 3 per Lamezia Terme.

Tutto questo grazie ai modernissimi Embraer 190 da 100 posti, scelti per questi voli regionali, che, oltre Parma, collegheranno anche ForlìFirenzeBergamo con destinazioni del Sud e delle isole, realizzando un nuovo modello che tiene conto della sempre più forte richiesta di spostamenti rapidi e a prezzi concorrenziali. Sempre fedeli alla mission di essere una compagnia aerea italiana di una nuova concezione, in cui l’ospite è assoluto protagonista del viaggio.

«Con grande attenzione all’ambiente e alla sostenibilità – ha aggiunto Marilena Bisio, direttore commerciale di EGO Airways. – Voli regionali come questi, collegamenti che originano a poca distanza dai luoghi dove nasce la domanda di trasporto aereo, permettono la riduzione delle percorrenze automobilistiche in direzione di scali più distanti, riducendo contemporaneamente l’emissione di CO2, stimata in circa 605 tonnellate per la stagione in corso».

Sostegno all’economia, attenzione all’ambiente e supporto alla mobilità: il tutto con il coraggio e la lungimiranza di chi sa di dover contribuire alla ripresa del mercato dopo il terribile periodo per il mondo dei trasporti e del turismo dovuto alla pandemia.

«Si tratta di un tassello importante nel quadro complessivo del potenziamento dell’aeroporto “Verdi” e del nostro territorio – ha concluso Guido Dalla Rosa Prati, presidente della Sogeap, la società di gestione dello scalo parmigiano. – Il “Verdi”, inserito nel Piano nazionale degli aeroporti, sta lavorando da anni per offrire sempre maggiori servizi alla cittadinanza e alle imprese di un’area così importante a livello nazionale per quanto concerne il mondo industriale e produttivo. Ma non solo: collegamenti come quello per Bari o per Catania, hanno una forte valenza turistica ma anche di servizio, garantendo ai tanti pugliesi e siciliani residenti in Emilia un comodo mezzo di spostamento verso i luoghi d’origine».

Il futuro della progettualità

Un ponte lanciato tra Nord e Sud, quindi. Ma il progetto di collaborazione tra l’aeroporto di Parma e EGO Airways non si ferma qui. Già si sta pensando per il futuro a un incremento delle frequenze e a un potenziamento delle possibili destinazioni, guardando anche a collegamenti internazionali.

Intanto però la data da ricordare, come detto, è quella del 28 marzo.

L’Embraer, in arrivo da Catania, dopo essere atterrato a Parma, spiccherà il volo verso Bari alle 15.15.

I biglietti per quel volo e per tutti quelli che lo seguiranno sono già prenotabili ed acquistabili sul sito www.egoairways.com, attraverso il call center dedicato e tramite le agenzie di viaggio.

Leggi Anche
Scrivi un commento