Dieta vegana, pericolo arteriosclerosi

Dieta vegana, pericolo arteriosclerosi

  La dieta vegana fa salire sensibilmente la probabilità di arteriosclerosi, cioè l’indurimento e l’ispessimento della arterie.

Questo il nucleo di una ricerca diretta dal dottor Duo Li e pubblicata sul ” Journal of Agricultural and Food Chemistry”.

Il dottor Li e gli altri hanno preso in esame decine di articoli specialisti, scritti negli ultimi 30 anni e tutti incentrati sulla biochimica del vegetarianismo. Durante il lavoro, si è
data particolare attenzione alla dieta vegana, il sistema vegetariano più esclusivo, che non accetta prodotti animali di alcun genere.

In conclusione, gli studiosi ritengono che la dieta vegana renda più soggetti ad arteriosclerosi e danni collegati, come patologie cardiache e vascolari.

A riguardo, gli autori del lavoro spiegano come le diete vegan provochino carenza di elementi come ferro, zinco, vitamina B12 e acidi grassi omega-3. Di conseguenza, i loro sostenitori
presentano spesso livelli elevati di omocisteina nel sangue ma dosi basse di colesterolo HDL (colesterolo “buono”): situazione di rischio per le malattie caridache. Un’insidia simile può
arrivare dalle diete vegetariane, se forniscono abbastanza proteine, ma non abbastanza grassi ed acidi grassi.

Allora, Duo Li e gli altri ricercatori consigliano a vegetariani e vegani di provvedere a un’integrazione di acidi grassi omega3 e di vitamina B12.

FONTE: Duo Li. Chemistry behind Vegetarianism. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 2011; : 110104095843036 DOI: 10.1021/jf103846u

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento