Damiano: “Il contratto dei giornalisti dovrà essere rinnovato”

Roma, 9 Ottobre 2007 – Durante l’incontro organizzato dalla Federazione Nazionale Stampa Italiana (Fnsi) contro il precariato, il Ministro del Lavoro Cesare Damiano ha nuovamente
affrontato il problema del contratto dei giornalisti scaduto tre anni fa, ribadendo che “dovrà essere rinnovato”: “Da parte nostra, ovviamente faremo le pressioni necessarie per arrivare
alla soluzione”, ha assicurato Damiano.

Il ministro ha aggiunto che l’attività di mediazione tra la Fnsi e la Fieg non ha ottenuto risultati: “Bisogna ammettere onestamente che non ce l’ho fatta a tentare una mediazione – ha
commentato Damiano – Per un anno abbiamo cercato una via, la fantasia non è mancata”, ma “la parte degli editori non ha voluto procedere al rinnovo del contratto, anche quando
personalmente ho proposto la separazione della parte normativa dalla parte salariale”.
La Fnsi, da parte sua, dà piena possibilità a trattare in modo aperto e senza riserve, ribadendo che “ci sono le condizioni autentiche per aprire la trattativa”: “Noi siamo
assolutamente determinati a fare una trattativa aperta – ha assicurato il segretario generale del sindacato, Paolo Serventi Longhi – Spero che con il nuovo gruppo dirigente, dopo il congresso
nazionale di fine novembre, accada quello che finora non è accaduto”.
Serventi Loghi ha anche sottolineato che il 60-70% dei problemi posti sul precariato “è stato risolto”, mentre “resta aperta la parte salariale e quella sul tema della
flessibilità anche multimediale”, ma il sindacato si è detto “disposto a discutere”.
“Sono ottimista – ha concluso il segretario generale – credo che anche nella Fieg sta maturando un orientamento positivo”.

Leggi Anche
Scrivi un commento