Dalla Regione Lazio patto per il latte ovicaprino

Roma – Un patto integrato tra Regione Lazio, allevatori ovicaprini, caseifici e associazioni professionali e di categoria è stato firmato il 28 dicembre a Roma per rilanciare il
settore del latte ovino, l’accordo stabilisce un nuovo prezzo del latte ovino e caprino che dal 1 gennaio passa dagli attuali 0,73 centesimi di euro a 0,82 centesimi di euro al litro e punta a
dare un nuovo impulso al settore riequilibrando i guadagni dei produttori di latte, fino ad oggi particolarmente penalizzati.

L’obiettivo è «salvaguardare un comparto di grande tradizione del territorio» – ha detto l’assessore regionale all’agricoltura Daniela Valentini – » rendendo più
competitivo il latte del Lazio rispetto a regioni limitrofe per qualità, tracciabilità e trasparenza, anche attraverso un ‘marchio unico’ che evidenzi la sicurezza e le
proprietà nutrizionali e gustative dei prodotti locali».

Agli allevatori verrà pagato un incentivo del 10% sul latte consegnato dal 1 settembre. «Verrà inoltre creata – ha ricordato l’assessore Valentini – una specifica
piattaforma logistica per facilitare l’accesso dei prodotti presso la grande distribuzione». È questo il primo importante risultato del ‘Tavolo della pastorizia’ voluto
dall’assessorato per garantire formaggi e ricotta di pecora più sicuri e qualitativamente concorrenziali.

La Regione Lazioinoltre agevolerà l’accesso al credito di conduzione a tasso agevolato con uno stanziamento di 300.000 euro, mentre altri 300.000 euro andranno al programma di
miglioramento genetico. Dopo la Sardegna, il Lazio è la seconda regione italiana per numero di capi, con un patrimonio ovino pari a 800.000 esemplari. La produzione annua di latte di
pecora si aggira attorno ai 63 milioni di litri.

Leggi Anche
Scrivi un commento