Dal cervello degli insetti molecole utili per nuovi antibiotici

Dal cervello degli insetti molecole utili per nuovi antibiotici

Faranno schifo ma possono essere molto utili. Scarafaggi, blatte e locuste offrono armi per combattere i batteri impervi ai farmaci tradizionali.

Questa la morale di una ricerca dell’Università di Nottingham (Gran Bretagna), diretta da Simon Lee e presentata nel congresso della Society for General Microbiology.

Per gli studiosi, alcuni insetti si sono evoluti in condizioni di vita difficili; per questo, hanno sviluppato sistemi anti-batterici molto efficaci. Ricorda Lee: “Gli insetti vivono spesso in
ambienti insalubri e poco igienici, dove si incontrano diversi tipi di batteri. È pertanto logico che abbiano sviluppato modi per proteggersi dai microrganismi”.

Allora, gli scienziati hanno esaminato alcune specie di blatte e locuste, individuando nel loro cervello molecole tossiche contro i patogeni. I primi test di laboratorio hanno mostrato come
tali sostanze fossero al 90% letali contro Escherichia Coli, lo Stafilococco Aureus ed altri super-batteri.

Fonte: “Cockroach brains could be rich stores of new antibiotics “, University of Nottingham 06/09/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento