Confagricoltura: sugli OGM pericoloso alzare il tono dello scontro ideologico

Confagricoltura: sugli OGM pericoloso alzare il tono dello scontro ideologico

I toni da scontro ideologico sugli Ogm, dietro a cui si maschera un dirigismo che vuol limitare la libertà di impresa e l’attività della ricerca scientifica sta dando i suoi frutti.
Stamani alla direzione generale di Confagricoltura è giunta una mail farcita di tutto l’armamentario oltranzista di sapore d’altri tempi, che va dalle accuse di “venduti alle
multinazionali” ad auspici di morte colma di sofferenze, con relativa eterna permanenza agli inferi. Come esponenti di un’organizzazione imprenditoriale moderna e razionale, che affida il futuro
dell’agricoltura italiana al lavoro, alle capacità di competere e all’innovazione non possiamo che commiserare certe esternazioni sanfediste, con toni medioevali da caccia alle
streghe.

Ci preoccupa piuttosto che, su un tema tanto delicato, venga negato un dialogo sereno, competente e supportato da tutte le fonti scientifiche, preferendo far prevalere, ad ogni livello,
convinzioni personali e luoghi comuni fuorvianti dell’opinione pubblica. Tutto ciò nonostante le disposizioni europee e le decisioni dell’Efsa (Autorità europea per la sicurezza
alimentare) in materia. La Confederazione e il suo presidente, Federico Vecchioni, sono decisi a proseguire sulla linea di trasparenza, perché tutte le parti abbiano pari dignità
d’ascolto e tutte le conclusioni scientifiche vengano seriamente valutate.

Questo negli ideali e nella tradizione della nostra associazione. Oggi, durante un workshop nel suo spazio convegnistico a Fieragricola Confagricoltura presenta le nuove frontiere delle
coltivazioni biotech, con la creazione di piante multifunzionali: frutti supernutrienti, piante produttrici di proteine ricombinanti utili come vaccini (contro epatite B, afta epizootica,
carbonchio) oppure di anticorpi (planticorpi) per la diagnosi e il trattamento di malattie contagiose e tumori. Altre piante che possono produrre proteine con proprietà farmaceutiche
(enzimi, ormoni per la crescita).

Banane e patate capaci di proteggere da malattie gastrointestinali e dall’epatite B. Riso arricchito in ferro, per prevenire anemie nelle donne incinte e nei bambini in Asia e Africa. Questo a
dimostrazione di come le biotecnologie che partono dai campi possano migliorare la qualità della vita, in Italia e nel mondo.

Leggi Anche
Scrivi un commento