Confagricoltura: debutto OGM a Fieragricola

Confagricoltura: debutto OGM a Fieragricola

Una polenta Ogm senza micotossine, uguale nel sapore a quella tradizionale ma più sicura per la salute e per l’ambiente. Per la prima volta a Fieragricola fa il suo ingresso un prodotto
Ogm. La polenta Ogm sarà la ‘testimonial’ dell’operazione trasparenza voluta da Confagricoltura in un Paese in cui insiste il paradosso per cui i prodotti geneticamente modificati
si possono mangiare ma non si possono coltivare.

Per il presidente di Confagricoltura, Federico Vecchioni, che terrà una conferenza stampa oggi alle 13: “Occorre superare un approccio ideologico che sino ad oggi in Italia ha reso gli
Ogm un argomento tabù. Per questo lo scenario di Fieragricola potrà essere un luogo di riflessione e confronto su un tema che i nostri associati considerano potenzialmente
strategico per il futuro di un settore difficoltà”.

La polenta Ogm utilizza alcune varietà di mais che sono un autentico sistema di prevenzione dalla contaminazione della pianta da muffe e micotossine pericolose come le fusariotossine o
le aflatossine. Queste ultime in particolare sono il cancerogeno più potente in natura e si sviluppano nel mais ‘naturale’ colpito da piralide. Il rischio tossine, secondo gli
studi, sarebbe notevolmente ridotto con l’utilizzo di varietà geneticamente modificate: il mais Ogm risulta infatti 10-15 volte meno colpito da piralide rispetto al mais
tradizionale.

Leggi Anche
Scrivi un commento