Con un’alimentazione corretta le donne prevengono la cataratta

Con un’alimentazione corretta le donne prevengono la cataratta

Le donne che seguono un’alimentazione sana vedono calare le probabilità di ammalarsi di cataratta.

Questo il messaggio di una ricerca dell’Università di Wisconsin-Madison, diretta dalla dottoressa Julie Mares e pubblicata su “Archives of Ophtalmology”.

La squadra della dottoressa Mares ha preso in esame 1.808 donne (età 55-86) tutte inserite nel programma Carotenoids in Age-Related Eye Disease study. Prima, gli scienziati hanno
valutato le loro abitudini a tavola tramite questionario, poi hanno verificato l’eventuale presenza della malattia.

E’ così emerso come 454 donne (il 29%) erano affette da cataratta nucleare in almeno uno dei due occhi. Inoltre il 16% (282 donne) ha riferito di aver subito un intervento per
l’estrazione della cataratta. In totale, il 41% (736 donne) delle partecipanti mostrava di avere la cataratta o in un occhio o in entrambi (come evidenziato dalle foto della lente oculare),
oppure ammetteva di aver subito un intervento per risolvere il problema.

Tuttavia, secondo i ricercatori il dato più interessante era la capacità di una dieta sana, ricca di elementi nutritivi come vitamine e minerali, di ridurre l’incidenza della
malattia.

Spiega la dottoressa Mares: “I risultati di questo studio indicano che una dieta sana, che riflette l’adesione alle linee guida dietetiche degli Stati Uniti al momento dell’ingresso nello
studio del Women’s Health Initiative, sono fortemente legati alla minore presenza di cataratta nucleare di qualsiasi altro fattore di rischio modificabile o fattore protettivo studiato in
questo campione di donne”. Inoltre, la dieta deve essere affiancata da altre buone pratiche come “Miglioramenti nello stile di vita che includono una dieta sana, lo smettere di fumare ed
evitare l’obesità”.

Fonte: Julie A. Mares et al., ” Healthy Diets and the Subsequent Prevalence of Nuclear Cataract in Women”, Arch Ophthalmol. 2010;128(6):738-749

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento