Con caffè e tè, minor rischio di tumore al cervello

Con caffè e tè, minor rischio di tumore al cervello

Il rapporto tra caffeina e cervello non è per nulla chiaro. Secondo le ricerche sfavorevoli, tale sostanza favorisce reazioni negative come l’emicrania o i disturbi di comportamento,
specie nei minori. Per quelle favorevoli, invece, gli effetti possono essere molto positivi. Ad esempio, determinate dosi di caffeina possono agire da preventivo contro il tumore al cervello.

E’ quanto afferma una ricerca della Brown University (Rhode Island, USA), diretta dalla dottoressa Dominique Michaud e pubblicata sul “American Journal of Clinical Nutrition”.

Il gruppo capitanato dalla dottoressa Michaud ha preso in esame 500.000 volontari, uomini e donne, per 8 anni. Durante tale periodo, i ricercatori hanno monitorato tramite questionari ed esami
lo stile alimentare e la salute. Alla fine, tali dati sono stati incrociati, per verificare se il consumo di un determinato alimento o bevanda avesse effetti positivi o negativi sul cancro al
cervello.

Come risultato, è emerso che consumare una tazza di tè o caffè al giorno riducesse il rischio di glioma, una varietà del tumore in questione.

Tra i 2 sessi, gli uomini erano più protetti: 41% contro il 26% delle donne. In ogni caso, il bonus difensivo si avvertiva dopo aver consumato circa 100 ml (2/3 di tazza) di bevanda.

Detto questo, gli studiosi ammettono di non saper spiegare il fenomeno.

Per alcuni, la caffeina è anti tumore perché riduce l’afflusso di sangue al cervello: tuttavia, questa è ipotesi minoritaria, ritenuta dai più troppo semplicistica.

Maggior seguito lo ottiene un’altra ipotesi, che attribuisce la bontà “medicinale” della caffeina ai suoi antiossidanti.

In ogni caso, la squadra della Brown University è ancora al lavoro. Se ricerche successive confermeranno l’azione della caffeina, tale sostanza potrebbe diventare parte integrante delle
terapie.

FONTE: Dominique S Michaud, Valentina Gallo, Brigitte Schlehofer, Anne Tjønneland, Anja Olsen, Kim Overvad, Christina C Dahm, Birgit Teucher, Annekatrin Lukanova, Heiner Boeing,
Madlen Schütze, Antonia Trichopoulou, Pagona Lagiou, Andreas Kyrozis, Carlotta Sacerdote, Vittorio Krogh, Giovanna Masala, Rosario Tumino, Amalia Mattiello, H Bas Bueno-de-Mesquita,
Martine M Ros, Petra HM Peeters, Carla H van Gils, Guri Skeie, Dagrun Engeset, Christine L Parr, Eva Ardanaz, Maria-Dolores Chirlaque, Miren Dorronsoro, Maria José Sánchez,
Marcial Argüelles, Paula Jakszyn, Lena M Nilsson, Beatrice S Melin, Jonas Manjer, Elisabet Wirfält, Kay-Tee Khaw, Nick Wareham, Naomi E Allen, Timothy J Key, Isabelle Romieu, Paolo
Vineis, and Elio Riboli, “Coffee and tea intake and risk of brain tumors in the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition cohort study”, Am. J. Clinical Nutrition, first
published on Sep 15, 2010 as doi: doi:10.3945/ajcn.2010.29876

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento