Combatti il diabete con i mirtilli

Combatti il diabete con i mirtilli

Per chi soffre di diabete, inserire nella propria alimentazione mirtilli secchi o disidratati è un modo vantaggioso per assumere fibre e zuccheri ottenendo una risposta glicemica
positiva.

A dirlo, una ricerca dell’ americana Winona State University, pubblicata sul FASEB Journal.

Lo studio è partito per le necessità di un’ azienda produttrice di mirtilli, desiderosa di scoprire se e come nuova gamma di alimenti a base di mirtilli a basso tenore di zucchero
potesse influire sulla glicemia dei pazienti con diabete di tipo 2.

A tale scopo, i ricercatori hanno lavorato con 13 volontari, tutti colpiti da diabete di tipo 2, nutriti con due cibi diversi: mirtilli addolciti e mirtilli al naturale (senza zucchero).

I test hanno dimostrato come il consumo di mirtilli secchi addolciti ha prodotto un picco d’insulina del 15%, contro un picco del 10% dei mirtilli non addolciti (al naturale) e il 22% del
normale pane.

Inoltre si è notato che il picco dei livelli di zucchero nel sangue è durato 175 minuti per i mirtilli dolci e il pane e 127 minuti per i mirtilli grezzi.

Sulla base di questi risultati, i ricercatori concludono come chi è affetto da diabete dovrebbe assumere mirtilli non zuccherati: questi sono infatti capaci di fornire fibre influendo
moderatamente sulla glicemia.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento