Combattere la depressione stimolando le aree del piacere

Combattere la depressione stimolando le aree del piacere

Una nuova tecnica contro la depressione. Tale procedura, detta “Deep Brain Stimulation” (DBS), stimolazione profonda del cervello per mezzo di elettrodi, è stata pensata come via
alternativa ai sistemi tradizionali.

La DBS è stata oggetto di una ricerca dell’Ospedale Universitario di Bonn, diretta dalla dottoressa Bettina Bewernick e pubblicata da “Biological Psychiatry”.

La squadra della Bewernick è partita da una constatazione: visto che non riuscire a provare piacere è un sintomo chiave della depressione, stimolare i centri del piacere dovrebbe
combattere la malattia.
Inoltre, gli studiosi sono stati ispirati da precedenti lavori dedicati al funzionamento del nucleus accumbens: tale regione del cervello, associata a motivazione, ricompensa e piacere, negli
individui depressi agisce in maniera ridotta.

Così, gli scienziati hanno reclutato un gruppo di soggetti, malati di depressione refrattari alle terapie tradizionali: psicofarmaci, psicoterapia, elettroshock e altre procedure simili.

Sottoposti ad un anno di DBS, i soggetti hanno mostrato certo miglioramento, e la metà di questi ha avuto una  diminuizione significativa  dei sintomi della depressione.
Inoltre, la Bewernick e colleghi evidenziano come, nonostante i soggetti non avevano risposto ad alcun trattamento preventivo antidepressivo, si mostravano più sereni e manifestavano un
aumento della capacità di provare piacere.

Secondo studi recenti, la depressione è una patologia in continuo aumento, e per molti dei malati le tecniche di cura attuali presentano effetti collaterali non sostenibili o si
dimostrano poco utili.

Allora, il lavoro dell’Ospedale Universitario di Bonn potrebbe aprire nuove vie.

LINK alla ricerca

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento