Codacons: la mancanza di concorrenza in Italia provoca un danno di almeno 1.500 euro a famiglia

“Antonio Catricalà è come una “Vox Clamans In Deserto”, ossia una voce che urla nel deserto e chiede aiuto, ma che nessuno ascolta – afferma il Presidente Codacons,
Carlo Rienzi, commentando la relazione annuale dell’Antitrust – Purtroppo i richiami e le richieste di intervento del Presidente dell’Autorità Antitrust restano troppo spesso
inascoltate; gravissime sono in tal senso le inadempienze di Governo e Parlamento, che non hanno dato riscontro alle numerose e circostanziate segnalazioni sulle violazioni della concorrenza
inviate da Catricalà“.

“La mancanza di concorrenza in Italia, e le violazioni delle leggi in materia, producono un danno economico rilevante, quantificabile in almeno 1.500 euro annui a famiglia – prosegue Rienzi –
Basti pensare a ciò che avviene nel settore bancario e assicurativo, alle pubblicità ingannevoli, alla scarsa trasparenza nelle tariffe, agli operatori che in
qualsiasi campo realizzano cartelli per mantenere elevati i prezzi. Comportamenti illegittimi che non hanno destato il minimo interesse di Governo e Parlamento, nonostante gli sforzi e i
richiami dell’Antitrust, e contro cui lottano quotidianamente le associazioni come il Codacons, che recentemente con un suo esposto ha portato la Commissione Europea ad intervenire sugli aiuti
di stato alle grandi coop italiane”.

Leggi Anche
Scrivi un commento