Clima, Ue: anche aerei pagheranno emissioni

“Finalmente le emissioni del traffico aereo entrano nel mercato della CO2, la decisione era necessaria, ma l’accordo raggiunto oggi è deludente e rischia di compromettere la leadership
conquistata dall’Europa a Bali” così Legambiente commenta la decisione del Consiglio dei ministri dell’ambiente, che introduce nel sistema di scambio di emissioni di CO2 anche quelle dei
voli aerei sull’Europa a partire dal 2012.

“Le riduzioni – precisa la nota dell’associazione ambientalista – non sono infatti coerenti con l’impegno manifestato all’ultima conferenza sul clima di tagliare le emissioni climalteranti del
25-40% entro il 2020. Secondo i dati della Commissione, nel 2004 il traffico aereo nei cieli comunitari ha visto crescere le emissioni di CO2 dell’87% rispetto ai livelli del 1990. Con questo
ritmo nel 2050 le emissioni dei voli aerei rappresenterebbero il 40% delle emissioni comunitarie totali.
Per essere in linea con gli impegni presi occorre ridurre le emissioni del trasporto aereo del 50-60% rispetto al periodo 2004-2006. La partita è ancora da giocare: ci auguriamo che
l’Europarlamento colmi le lacune dell’accordo politico odierno”.

Leggi Anche
Scrivi un commento