FREE REAL TIME DAILY NEWS

Cividale del Friuli: Candidatura di Cividale a patrimonio dell'Unesco: Il pronunciamento è atteso per luglio

By Redazione

 

Cividale del Friuli – “La candidatura di Cividale a patrimonio dell’Unesco rappresenta un modo innovativo nel porsi all’attenzione del settore turistico. Lo stato d’avanzamento
dei lavori è assolutamente interessante.

Il mio ringraziamento va a tutti quelli che hanno lavorato tanto per questo progetto, che trae linfa dal passato per creare sviluppo nel futuro”. Lo ha affermato l’assessore regionale
alla Cultura, Roberto Molinaro, nel corso della presentazione alla cittadinanza del progetto “Italia Langobardorum – Centri di potere e di culto / 586-774”, avvenuta a Cividale.

Ad un anno dalla consegna ufficiale del dossier della candidatura alla sede Unesco di Parigi per l’inserimento nella Lista del patrimonio mondiale culturale, sono state così
illustrate pubblicamente da parte degli organizzatori le iniziative fino ad oggi svolte e le potenzialità di sviluppo economico e culturale, che tale progetto dovrebbeapportare a
Cividale, al suo territorio circostante ed a tutto quello regionale.

Il progetto “Italia Longobardorum”, del quale Cividale è capofila – fanno inoltre parte Brescia e Castelserpio-Gornate Olona (Lombardia), Spoleto e Campello sul Clitunno
(Umbria), Benevento (Campania) e Monte Sant’Angelo (Puglia) – prevede la tutela, la conservazione, la valorizzazione e la promozione di tutto il patrimonio longobardo in Italia.

Nel corso della serata sono stati illustrati in dettaglio (dall’archeologo Luca Villa e dal prof. Bruno Cesca) i vantaggi dell’appartenenza alla World Heritage List (il pronunciamento
dell’Unesco è atteso per luglio).

L’inserimento in tale circuito d’eccellenza (sono 830 i siti che possono nel mondo fregiarsi di far parte della W.h.l.) garantisce infatti una visibilità internazionale e
stimola, dunque, forti flussi turistici, creando così opportunità di crescita e sviluppo (enogastronomia ed altre attività imprenditoriali) per le comunità
partecipanti.

L’assessore regionale Molinaro, rimarcando come tale iniziativa sia condivisa e supportata dalla Regione (ad esempio, la legge Finanziaria per il 2009 destina 3 milioni di euro al
Comune di Cividale per gli interventi al Monastero di S. Maria in Valle), ha nel contempo ritenuto importante evidenziare come al progetto, “affinché duri nel tempo”, dovrebbero
partecipare anche gli investitori privati locali: “Le opportunità di sviluppo per tutto il territorio regionale sono molte”.

Il sindaco della città ducale, Attilio Vuga, ha sottolineato “la forte sinergia” tra le tante istituzioni coinvolte nell’iniziativa. Sono intervenuti alla presentazione anche
l’on. Carlo Monai, il consigliere regionale, Roberto Novelli e l’assessore provinciale, Elena Lizzi.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: