Calvizie: dalla ricerca sui topi, una molecola per la ricrescita dei capelli

Calvizie: dalla ricerca sui topi, una molecola per la ricrescita dei capelli

A volte la scienza ottiene dei risultati in maniera rocambolesca e quasi involontaria. Così, si può trovare un metodo contro la calvizie anche se l’obiettivo di partenza era
totalmente diverso.

Questa la morale di una ricerca dell’Università della California (sezione Digestive Diseases Research), diretta dal dottor Mulugeta Million e pubblicata su ” PLoS ONE”.

Scopo iniziale del lavoro degli studiosi era trovare un rimedio ai problemi di digestione. Così, essi hanno condotto test su topi da laboratorio, per comprendere meglio i meccanismi
intestinale.

Durante l’esperimento, gli esperti hanno notato come i roditori avessero perso il pelo: essi soffrivano di alopecia, in quanto il loro organismo presentava alti livelli di corticotropina (Crf),
ormone chiave nel rapporto con lo stress.

Incuriositi dalla situazione, il dottor Million e colleghi hanno iniettato alla cavie una sostanza che ha sia bloccato la produzione di Crf che inibito i suoi recettori. Di conseguenza, gli
animali hanno riacquistato una pelliccia folta ed abbondante.

Successivi tentativi hanno mostrato come il trattamento anti-calvizie non fosse solo curativo ma anche preventivo: se la sostanza veniva iniettata per tempo contrastava l’azione di Crf,
impedendo così i suoi effetti. Come spiega Million, “Negli individui calvi, e in questi topi, i follicoli piliferi sono in una fase di riposo. L’antagonista li risveglia. Accende il
ciclo e fa ripartire la fase di crescita”.

Il capo-ricercatore ipotizza così come la sostanza in questione possa diventare la punta di diamante in terapie contro l’alopecia, la calvizie e la perdita di capelli dovuta alla
chemioterapia.

In ogni caso, è ancora presto: prima di arrivare ad un possibile farmaco, bisogna infatti aspettare gli esiti della sperimentazione su volontari umani.

FONTE: Wang L, Million M, Rivier J, Rivier C, Craft N, et al. (2011) CRF Receptor Antagonist Astressin-B Reverses and Prevents Alopecia in CRF Over-Expressing Mice. PLoS ONE 6(2):
e16377.doi:10.1371/journal.pone.0016377

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento