Coltivare l’orto aiuta la salute degli anziani

Coltivare l’orto aiuta la salute degli anziani

Avere un orto fa bene agli anziani. Quelli tra loro che coltivano per divertimento un pezzo di terra curano meglio salute fisica e mentale.

Lo rileva una ricerca della Wageningen University (Paesi Bassi), diretta dalla professoressa Agnes van der Berg e pubblicata su “Evironmental Health”.

L’equipe della Wageningen University ha raccolto 174 volontari, tutti dai 60 anni in su: 121 coltivavano per passione un orto, 63 no. I ricercatori li hanno controllati, quantificando i livelli
di stress e valutando l’attività fisica svolta.

Le misurazioni hanno stabilito come coloro che lavoravano un pezzo di terra svolgevano più attività fisica ed erano meno vittime dello stress. Gli studiosi spiegano ciò non
tanto con il consumo dei prodotti della terra, quanto con le azioni necessarie a farli crescere: smuovere il territorio, zappare e seminare. Inoltre, sulla base di tali risultati, essi
ipotizzano una modifica dei criteri edilizi per dotare le abitazioni di appositi terreni.

Conclude infatti la professoressa van der Berg: “Nel loro insieme i nostri risultati forniscono la prima prova diretta empirica dei benefici per la salute provocati dagli orti. Avere un
giardino può promuovere uno stile di vita più attivo e contribuire a un sano invecchiamento”. Allora, “Considerando l’importanza che può avere un orto per uno stile di vita
sano e attivo, i governi e le autorità locali dovrebbero lavorare per proteggerli e valorizzarli”.

FONTE: Agnes E Van den Berg, Marijke Van Winsum-Westra, Sjerp De Vries, Sonja ME Van Dillen, “Allotment gardening and health: a comparative study among allotment gardeners and their
neighbors without an allotment”, Environmental Health 2010, 9:74 (23 November 2010), doi:10.1186/1476-069X-9-74

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento