Caffè ed aspirina combattono l’ubriachezza

Caffè ed aspirina combattono l’ubriachezza

L’eccesso di alcolici porta prima o poi all’ubriachezza, con tutte le conseguenze collegate, come la nausea, ansia, mal di testa, ecc. Tuttavia, può essere d’aiuto sapere che caffeina ed
aspirina contengono sostante in grado di eliminare i postumi della sbornia.

E’ quanto emerge da una ricerca della Thomas Jefferson University (Philadelphia, USA), diretta dal professor Michael Oshinsky.

L’equipe della Thomas Jefferson ha condotto test con topi da laboratorio. A riguardo, gli scienziati fanno notare come i roditori fossero particolarmente sensibili al mal di testa:
perciò, sono state sufficienti dosi limitate di alcol per scatenare la reazione, senza così farli arrivare all’ubriachezza completa.

Gli animali hanno assunto alcol e (come previsto) hanno sviluppato mal di testa, manifestato dalla ipersensibilità della pelle intorno agli occhi.

Successivamente, gli esperti hanno somministrato loro caffeina od aspirina, notando come tali sostanze eliminassero gli effetti dannosi dell’alcol. I ricercatori spiegano come ciò
avviene perché caffeina ed aspirina bloccano l’emissione di acetato, sottoprodotto della metabolizzazione dell’alcol e portatore di effetti sgradevoli.

Il professor Oshinsky e colleghi ipotizzano così come i soggetti che assumono caffè o caffeina dopo aver consumato alcolici potrebbero metabolizzare meglio le bevande ingerite.
Tuttavia, gli esperti mettono le cose in chiaro: nella medicina non esistono filtri magici, e caffè e caffeina non fanno eccezione. Il miglior modo per non subire gli effetti
dell’ubriachezza è non ubriacarsi, limitando gli alcolici.

FONTE: Richard Alleyne, “Coffee and an aspirin ‘best hangover cure’ after all”, Indipendent, 18/01/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento