Caffè Al Bicerin. Dal 1763 a Torino.

Caffè Al Bicerin. Dal 1763 a Torino.

Un piccolo caffè nel centro storico di Torino che racconta una grande storia: nacque nel 1763 per iniziativa
dell’acquacedratario Dentis, proprio di fronte all’ingresso del Santuario della Consolata. La
ristrutturazione avviene all’inizio dell’Ottocento e Al Bicerin assume l’aspetto che è rimasto intatto
fino a oggi. Il successo del locale è dovuto alla gustosa evoluzione della bavareisa, bevanda a base di
caffè, cioccolato, latte e sciroppo. Il rituale del nuovo “bicerin” divenne così uno dei simboli di Torino,
che si è tramandato conservando l’antica ricetta. La gestione è stata sempre al femminile, a differenza
di altri caffè: dal 1910 al 1975 con la signora Ida Cavalli, alla quale è succeduta Maritè Costa, con l’aiuto
della figlia Eleonora. Il locale è stato citato da tanti scrittori e artisti, da Alexandre Dumas padre a
Giacomo Puccini, mentre tra i suoi clienti si annoverano Friedrich Nietzsche, Guido Gozzano, Mario
Soldati, Macario e da ultimo Giuseppe Culicchia (non fatevi mancare Torino è casa mia), che ama particolarmente il toast al cioccolato.
Da quando poi sono stato al Bicerin a Natale, ho smesso si leggere i suoi libri e mi sazio di toat al cioccolato!
Grazie Maritè

Al Bicerin
Piazza della Consolata 5
Torino
Telefono 011 4369325
www.albicerin.it

Comunicazione Food by Idea F&B

Leggi Anche
Scrivi un commento