Caffè: bevuto dopo un pasto grasso fa salire gli zuccheri

Caffè: bevuto dopo un pasto grasso fa salire gli zuccheri

Per molti, il pasto deve concludersi con un caffè. Tuttavia, va fatta attenzione: se arriva dopo una mangiata di fast food, la bevanda “fa rimbalzare” (rende difficile l’assorbimento) di
zuccheri.

E’ il messaggio di una ricerca dell’Università di Guelph (Canada), diretta da Marie-Soleil Beaudoin.

Il team canadese ha lavorato con alcuni volontari, divisi in due gruppi. Il primo gruppo ha consumato una bevanda a base di lipidi, il secondo no. In un secondo tempo, sia primo che secondo
gruppo hanno bevuto un drink a base di zucchero.

Dopodiché, gli scienziati hanno svolto analisi del sangue: risultato, il primo gruppo (consumo di entrambi le bevande) aveva il 32% di zuccheri in più nel sangue rispetto al
secondo.

In un secondo test, i ricercatori hanno proceduto con la somministrazione delle bevande, allo stesso modo. In più, il primo gruppo ha bevuto due tazze di caffè, 5 ore dopo il
pasto: di conseguenza, lo zucchero nell’organismo cresceva del 65%.

Al momento, il perché non è del tutto noto. Per Beaudoin e compagni, l’ipotesi più probabile vede la caffeina come guastatore, in grado di spezzare il rapporto intestino e
pancreas. Così si danneggia la produzione d’insulina e la gestione della glicemia.

Ed il problema, concludono i ricercatori, interesserebbe particolarmente i malati di diabete di tipo 2.

FONTE: “Got a Hankering for Fast Food? Skip the Coffee, Study Says”, University of Guelph News Release, 01/04/011

Marie-Soleil Beaudoin, Lindsay E. Robinson, and Terry E. Graham, “An Oral Lipid Challenge and Acute Intake of Caffeinated Coffee Additively Decrease Glucose
Tolerance in Healthy Men”, J. Nutr. April 2011 141: 4 574-581; first published online February 23, 2011. doi:10.3945/jn.110.132761

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento