Blitz in tutta Italia, sequestate tonnellate di prodotti da forno

Blitz in tutta Italia, sequestate tonnellate di prodotti da forno

Palermo – I Carabinieri dei Nas hanno sequestrato hanno sequestrato 46 tonnellate di materie prime e prodotti da forno, di cui 13 tonnellate di pane. I prodotti erano insudiciati, detenuti
in cattivo stato di conservazione, scaduti di validità e stoccati in locali non autorizzati e non idonei. Lo comunica il Nas in una nota, spiegando che in questi giorni i controlli in
quest’ambito sono stati intensificati su disposizione delle sottosegretario al Ministero della Salute Francesca Martini. Nel complesso, sono state 523 le strutture ispezionate.

Oltre 46 tonnellate di prodotti da forno – di cui 13 di pane – e 17 mila confezioni di materie prime e prodotti definiti pericolosi per la salute pubblica sequestrati; ispezioni in 523
attività di panificazione: è il bilancio dell’attività di controllo svolta in tutta Italia, nel periodo delle feste natalizie, dai carabinieri dei Nas.  
Dagli accertamenti sono emersi casi di cattiva gestione aziendale, materie prime per la panificazione tenute in cattivo stato di conservazione, pane insudiciato, alimenti scaduti, prodotti da
forno stoccati in locali non autorizzati e non idonei.   

Sono 46 i panifici finiti sotto sequestro per carenze igieniche e 41 le attività di panificazione abusive scoperte. Tra questi, 19 vendevano il pane direttamente in strada su banchi
improvvisati o su ceste poggiate direttamente sul marciapiede.       

Le irregolarità più gravi sono state accertate nelle province di Palermo e Trapani, dove i militari hanno scoperto 15 ambulanti e sequestrato sette  quintali di pane in cattivo
stato di conservazione; a Salerno dove sono stati individuati quattro panifici abusivi e sequestrate 21 tonnellate di prodotti da forno e semi-lavorati.
E ancora a Cremona, dove le pessime condizioni igienico sanitarie di un panificio – macchinari arrugginiti, intonaci scrostati- hanno portato al sequestro della struttura e di oltre 4 tonnellate
di pane; Caserta, dove i sigilli sono stati apposti a tre attività abusive e sono stati sequestrati 16 quintali di materie prime; Napoli dove è stato chiuso un panificio, a cui era
stata già revocata l’autorizzazione sanitaria. Il titolare è stato denunciato per violazione di sigilli e sono stati sequestrati anche 6.200 chili di impasti per pane e materie
prime per la panificazione.  

In provincia di Napoli sono stati sequestrati 300 chili di pane in cattivo stato di conservazione, venduti da tre ambulanti che sono stati denunciati. Infine a Potenza la Asl ha disposto la
chiusura di due panifici che presentavano carenze igieniche e ha bloccato 27 quintali di sfarinati e materie prime.  
In tutto, sono 254 le persone denunciate. Il valore degli alimenti sottratti alla rete distributiva ammonta a 400 mila euro.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento