Bit 2009 analizza gli scenari: qualità, internazionalità e innovazione per emergere vincenti

 

Milano – Quali le prospettive dei mercati turistici nell’attuale momento economico? A pochi giorni dall’inaugurazione della 29.ma edizione, che si tiene al
quartiere fieramilano a Rho da giovedì 19 a domenica 22 febbraio 2009, Bit – Borsa Internazionale del Turismo ha effettuato una comparazione tra alcune delle più
significative ricerche recenti per delineare uno scenario.

Il Ciset – Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica dell’Università di Venezia ha condotto in collaborazione con Federturismo-Confindustria
un’indagine congiunturale sulle aspettative degli operatori turistici italiani per il semestre novembre 2008-aprile 2009. Secondo gli operatori intervistati, i dati
dell’incoming dovrebbero essere in linea con i dati generali sul Pil con una variazione delle presenze che rimane contenuta in -1,8/2%.

Aspettative in controtendenza sono state espresse invece per il turismo fitness e benessere, il turismo termale tradizionale e il turismo culturale e d’arte, che sono previsti in
leggera espansione nel periodo preso in esame, seguiti dall’agriturismo e il turismo verde, le crociere ed il turismo montano.

Se le aspettative degli Operatori intervistati dal Ciset sono improntate alla prudenza e in linea con i dati generali, le cifre della bilancia dei pagamenti turistica dei primi dieci
mesi del 2008 trasmettono segnali di cauto ottimismo. Pur coprendo anche un periodo in cui la crisi finanziaria internazionale (esplosa ad agosto) era già in corso, i numeri
evidenziano un saldo netto positivo di 9,96 miliardi di euro (un miliardo solo a ottobre 2008) e un aumento dell’1,2% nella spesa dei viaggiatori stranieri in Italia.

I segnali positivi dal turismo di montagna e dal turismo invernale, che si conferma una delle eccellenze del prodotto Italia, vengono anche dall’ultimo rapporto Isnart-Unioncamere
presentato a Cortina lo scorso 25 gennaio. In questo periodo invernale 2008/09 le presenze sono stimate in crescita dell’8% rispetto al 2007/08. La montagna, inoltre, ha chiuso lo
scorso anno con il 48,9% delle camere occupate rispetto a una media nazionale annua del 35,6%. Il trend positivo di Natale sembra confermato anche nel primo trimestre del 2009. Fino a
febbraio le prenotazioni sono arrivate al 40%.

Bene anche i turisti stranieri, che raggiungono il 39,8% dei clienti prenotati. Riguardo la presenza straniera relativi ai primi mesi del 2009, gli operatori intervistati prevedono un
incremento. Per quanto riguarda le presenze italiane nel periodo natalizio, il 18,5% delle imprese alberghiere hanno registrato un aumento dei soggiorni degli italiani.

Per quanto riguarda il segmento dei Tour Operator, lo studio “Il posizionamento dei Tour Operator Astoi e raffronto con la situazione europea”, promosso dalla stessa Astoi e
condotto da Ernst & Young, ha fornito un raffronto analitico dei dati a livello europeo. Dalle stime di Ernst & Young il settore dei Tour Operator italiani risulta rivestire un
valore complessivo di oltre 6 miliardi di euro e impiegare circa 30mila addetti stabili, ai quali si aggiungono i contratti stagionali e a tempo indeterminato che, nel comparto
turistico, rappresentano una quota rilevante.

Lo studio ha evidenziato alcune specificità della situazione italiana rispetto agli altri Paesi del vecchio continente. In particolare, nel confronto con i competitor europei, i
tour operator italiani mostrerebbero un minore livello di integrazione verticale. D’altro canto, il minore tasso di indebitamento bancario delle aziende italiane del settore
permette ai tour operator italiani una maggiore flessibilità. Un fattore che, nella situazione economica attuale, si traduce in una più rapida risposta al mercato.

Sembra non conoscere crisi infine, grazie al suo contenuto innovativo, il Travel 2.0. Secondo i dati diffusi da Best Network, società attiva nel web marketing turistico, i
fatturati Internet sono in continuo aumento per tutti gli operatori del settore e nel 2008 hanno registrato un incremento del 21% rispetto al 2007. A trainare questo progresso gli Ad
banner, che sono cresciuti del 23% seguiti dalle sponsorizzazioni ( 22%) e dalle newsletter ( 19%).

Commentando i dati, Adalberto Corsi, Presidente di Fiera Milano Expocts, organizzatore di Bit, sottolinea: “Il quadro che emerge dalla comparazione delle ricerche più
recenti è, nonostante la crisi, comunque di sostanziale tenuta. Un’analisi più approfondita dei dati, specie di quelli in controtendenza, indica che questo momento
di stasi può essere l’occasione per un’evoluzione in positivo del sistema turismo. Le realtà che stanno puntando sulla qualità,
l’internazionalità e l’innovazione difendono le loro posizioni e si presenteranno al momento della ripresa con un rilevante vantaggio competitivo. Noi di Bit siamo
impegnati a dare il massimo supporto agli operatori su questo stesso fronte e lo faremo con un’edizione 2009 di grande spessore qualitativo e di grande concretezza nelle
risposte”.

La 29.ma edizione di Bit – Borsa Internazionale del Turismo si terrà nel quartiere fieramilano a Rho da giovedì 19 a domenica 22 febbraio 2009

 

Leggi Anche
Scrivi un commento