Berberè, in Porta Romana, festeggia la quinta pizzeria a Milano

Berberè, in Porta Romana, festeggia la quinta pizzeria a Milano

Berberè, in Porta Romana, festeggia la quinta pizzeria a Milano

I fratelli Matteo e Salvatore Aloe, hanno creato Berberè… pizza da lievito madre vivo, proposte di menù stagionali a base di prodotti freschi… “tre spicchi”, massimo riconoscimento assegnato da una prestigiosa guida come Pizzerie d’Italia 2022 del Gambero Rosso, per il quinto anno

 

E siamo a 15, con l’apertura di Berberè Porta Romana, uno dei quartieri trend della Milano dalla ristorazione in fermento e dove l’insegna bolognese festeggia la quinta apertura. Cinque pizzerie in cinque anni a Milano per Berberè – che ha il “cuore” a Bologna – è, probabilmente, un atto d’amore per una città che invoglia chiunque abbia una buona idea ad investire.

E i fratelli Matteo e Salvatore Aloe, che hanno creato Berberè, di idee interessanti, a quanto pare, ne hanno parecchie, a cominciare dall’insegna dedicata alla pizza da lievito madre vivo e proseguire con la proposta di menù stagionali a base di prodotti freschi, di stagione, biologici, nonché l’obiettivo di dare nuova identità alla pizza, valorizzandone l’artigianalità. Un impegno confermato anche da riconoscimenti e premi come l’inserimento nella Top Ten delle migliori catene di pizzerie artigianali della guida “50Top Pizza 2021”, l’assegnazione dei “tre spicchi”, massimo riconoscimento assegnato da una prestigiosa guida come Pizzerie d’Italia 2022 del Gambero Rosso e addirittura per il quinto anno consecutivo.

 

Milano è la città con più locali della catena bolognese: cinque con l’apertura di via Carlo Botta, nel quartiere di Porta Romana che viene ad affiancare le pizzerie presenti a Isola, Navigli, Stazione Centrale e Colonne di San Lorenzo. E, per scelta degli ideatori del progetto, tutte pizzerie a gestione diretta perché Berberè non è un franchising. Così la formazione e la cura del personale, che ha superato quota 180 unità, permette al brand di salvaguardare l’artigianalità del prodotto oltre a confermarsi una realtà dinamica e in costante evoluzione. 

Tutti sanno che Berberè è nata alle porte di Bologna, cioè Castel Maggiore, per iniziativa di due fratelli, Matteo e Salvatore Aloe che, però, erano arrivati nel capoluogo emiliano dalla Calabria, per motivi di studio. “Siamo originari di Maida, in provincia di Catanzaro, un paese che ha come simbolo una donna che brandisce una spada per difendere il pane”, ricordano gli Aloe.

 

Bologna, invece, è stata la culla della loro idea maturata dalla frequentazione, non sempre con soddisfazione, di pizzerie quando erano studenti; completati gli studi pensano ad un progetto che permette di sfornare pizze buonissime e presentarsi prima agli studenti e poi alle famiglie, con la certezza di poter dire di “essere la tua pizzeria di fiducia”. 

Obiettivo raggiunto. Tanto che dall’affermazione “ci vediamo in pizzeria” si è passati a “ci vediamo da Berberè” con gli Aloe che per non deludere i propri clienti, propongono sempre un menù stagionale tutto incentrato sulle pizze, con una quindicina di proposte. Come quello autunno-inverno presentato in questi giorni che propone pizze con ortaggi di stagione, come la “Cavolo nero” (con cavolo nero saltato, porri stufati, fiordilatte d’Agerola, senape, formaggio Vezzena d’alpeggio); la “Cottobosco” (con prosciutto cotto, funghi misti saltati, taleggio, fiordilatte d’Agerola e prezzemolo); la “Speck e patate” (con speck dell’Alto Adige, gorgonzola naturale, fiordilatte d’Agerola, patate schiacciate all’olio evo); l’intrigante “Tonno e Salsa Verde” (con filetti di tonno riserva Callipo, cipolla rossa saltata, fiordilatte d’Agerola, salsa verde, polvere di olive nere e origano); la “Zucca e funghi” (con crema di zucca, funghi misti saltati, provola affumicata e una spolverata di prezzemolo, che ci sta da dio).

Sfizi, montanarine, dolci e molto di più

Anche questo menù arricchito di sfizi, montanarine, dolci come i crostini con baccalà mantecato con polvere di olive nere, il tagliere di salumi (prosciutto crudo di Norcia, prosciutto cotto a legna, speck dell’Alto Adige) servito con olive e il pane realizzato con lievito madre; le bombette di pizza fritte in 4 varianti di gusto e una selezione di dolci, come il tiramisù e il profiterole, realizzati per Berberé dal Maestro pasticciere Luigi Biasetto.

 

Berberè pizzeria Milano Porta Romana

Via Carlo Botta 4 | Milano 

Tel +39 02 50030751

berbere.it – Ig: @berberepizza – Fb: berberepizzeria

 

 

Maria Michele Pizzillo

Redazione Newsfood.com
Nutrimento & nutriMENTE

NewsfoodTV 
Gruppo Velvet Media spa

Contatti

Leggi Anche
Scrivi un commento