Avvio dei lavori delle Commissioni Uniche Nazionale “tagli di suino” e “grasso e strutto”

Avvio dei lavori delle Commissioni Uniche Nazionale “tagli di suino” e “grasso e strutto”

Si è inaugurato oggi in concomitanza con Cibus Tour, l’avvio dei lavori delle Commissioni Uniche Nazionali “tagli di suino” “e grasso e strutto” istituite in esecuzione del Protocollo
d’intesa suinicolo, sottoscritto dal tavolo tecnico del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali il 5 dicembre 2007.
La Commissione sarà ospitata dalla Borsa Merci di Parma ogni venerdì. Le Commissioni Uniche Nazionali formulano previsioni sull’andamento atteso dei prezzi nella settimana
successiva per tutto il mercato nazionale. Ciò le differenzia dalle Borse merci che rilevano a posteriori i prezzi all’ingrosso di merci che, per volume delle contrattazioni, rivestono
localmente particolare importanza sul territorio provinciale delle singole Camere di Commercio. All’inaugurazione hanno partecipato i principali Rappresentanti Istituzionali del Ministero delle
Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, della Regione, della Provincia e della città di Parma. Presenti Franco Boni, Presidente Fiere Parma, Lisa Ferrarini, Presidente di Assica
(Associazione Industriali delle Carni), Andrea Zanlari, Presidente Camera di Commercio Parma.
Il Presidente Franco Boni, nel dare il benvenuto ai presenti ha affermato “L’inaugurazione dell’avvio dei lavori delle Commissioni Uniche Nazionali (CUN) “tagli di suino” e “grasso e strutto” e
l’apertura della fiera “Cibus Tour” rappresentano motivo di orgoglio per le Fiere di Parma e, credo, di buon auspicio per lo sviluppo della filiera della carni suine, così radicata sul
nostro territorio.
L’inaugurazione odierna di una nuova fiera, Cibus Tour, e l’insediamento delle due Commissioni a Parma, rappresentano un importante passo in avanti per l’ affermazione della centralità di
Parma nell’offrire servizi agli operatori del settore alimentare italiano. Ne è una riprova la gradita presenza degli amici di Slow Food, accanto al nostro solito partner Federalimentare”
Lisa Ferrarini, nel prendere la parola ha sottolineato “Questo è un momento importante per la filiera suinicola. L’istituzione delle Commissioni Uniche Nazionali “Tagli di Suino” e “Grasso
e Strutto” rappresenta infatti per il settore una significativa evoluzione del sistema oggi vigente. Inoltre, realizziamo oggi uno degli obiettivi del Protocollo di Intesa della Filiera Suinicola
sottoscritto dalle rappresentanze degli operatori al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.
Da oggi gli operatori hanno a disposizione un punto di riferimento unico nazionale per le previsioni dei prezzi delle carni e dei grassi suini, con evidenti miglioramenti nella gestione
aziendale, grazie ai risparmi nel tempo dedicato alla contrattazione dei tagli e la possibilità di usufruire di un sistema di quotazioni trasparente, rappresentativo, basato su una analisi
economica dei trend di domanda e offerta a livello italiano e comunitario. Non posso che ringraziare la Camera di Commercio di Parma e il Presidente Zanlari per aver aderito a questo importante
progetto e le Fiere di Parma e il Presidente Boni per aver messo a disposizione questa sala che, seppur provvisoria, è bella e funzionale.” “Non esagero dicendo che Parma è la
provincia agroalimentare per antonomasia in Italia, grazie ai suoi prodotti noti in tutto il mondo – ha continuato Andrea Zanlari – Le istituzioni del sistema agroalimentare italiano ed europeo
guardano a Parma come un punto di riferimento ormai da anni, lo dimostrano la presenza sul nostro territorio di enti come la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari
(SSICA) e l’EFSA.
La collocazione a Parma delle CUN tiene giustamente conto del legame del settore suinicolo con il territorio in cui le produzioni sono concentrate e che risulta baricentro dell’intera filiera. La
Camera di Parma ha ritenuto importante investire su questo progetto mettendosi al servizio di uno dei settori più importanti del Made in Italy alimentare con l’obiettivo di accrescere il
ruolo di Parma e dell’Emilia-Romagna come centri strategici riconosciuti a livello nazionale e internazionale” ASS.I.CA. – Associazione Industriali delle Carni ASS.I.CA., Associazione Industriali
delle Carni, è l’organizzazione nazionale di categoria che, nell’ambito della Confindustria, rappresenta le imprese di macellazione e trasformazione delle carni suine. Nel quadro delle
proprie finalità istituzionali, l’attività di ASS.I.CA. copre diversi ambiti, tra cui la definizione di una politica economica settoriale, l’informazione e il servizio di assistenza
ai circa 180 associati in campo economico/commerciale, sanitario, tecnico normativo, legale e sindacale.
Competenza, attitudine collaborativa e affidabilità professionale sono garantite da collaboratori specializzati e supportate dalla partecipazione a diverse organizzazioni associative, sia
a livello nazionale che comunitario. Infatti, sin dalla sua costituzione, nel 1946, ASS.I.CA. si è sempre contraddistinta per il forte spirito associativo come testimonia la sua
qualità di socio di Confindustria, a cui ha voluto aderire sin dalla nascita, di Federalimentare, Federazione italiana delle Industrie Alimentari, di cui è socio fondatore, del
Clitravi, Federazione europea che raggruppa le Associazioni nazionali delle industrie di trasformazione della carne, che ha contribuito a fondare nel 1957. La Camera di Commercio, Industria,
Artigianato e Agricoltura di Parma La Camera di Commercio di Parma, nata nel 1814, è una delle più antiche d’Italia.
Oggi vi sono iscritte oltre 47.000 imprese, delle quali circa 43.500 attive (quasi una ogni 10 abitanti). L’ente è in particolare impegnato nella promozione economica con servizi mirati
alla crescita dell’imprenditoria locale sul mercato interno e internazionale, nel sostenere lo sviluppo competitivo delle piccole imprese attraverso contributi e sostegno all’accesso al credito,
nel diffondere la cultura dell’innovazione, nel rafforzare il sistema infrastrutturale del territorio. Realizza inoltre numerose iniziative per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese,
direttamente ovvero, per quanto riguarda le imprese e le produzioni alimentari, attraverso la propria società Parma alimentare.
La valorizzazione e promozione del settore agroalimentare è da sempre uno dei suoi principali obiettivi strategici.
La Cciaa gestisce una Borsa merci specializzata nel negoziare prodotti di punta del territorio come materie prime agricole, prodotti zootecnici e dell’industria alimentare. E’ fra i fondatori e
socio di riferimento di Borsa Merci Telematica Italiana. Ha promosso la costituzione di Alma, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana, di cui è socio di maggioranza.
Nel 2010 il legislatore ha trasferito alla Camera le attività della Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari,che è ora azienda speciale dell’ente.

Leggi Anche
Scrivi un commento