Autismo e vaccini, nessun legame

Autismo e vaccini, nessun legame

Da tempo, gli scienziati discutono sulla (possibile) capacità di alcuni vaccini di causare l’autismo.

Tuttavia, dal dibattito emerge un messaggio inequivocabile: il principale studio che imputava alle vaccinazione alcuni casi di autismo si basava su dati falsi, ed è una frode consapevole
e deliberata.

Lo sostiene una ricerca del giornalista scientifico Brian Deer e pubblicata sul “British Medical Journal”.

Deer ha preso in esame la ricerca “sospetta”, svolta nel 1998 dal dottor Andrew Wakefield e pubblicata da “Lancet”. Alla fine del lavoro, il dottor Wakefield legava all’uso di vaccini contro
morbillo, parotite e rosolia l’arrivo la comparsa di autismo in alcuni bambini.

Il giornalista, dopo aver riesaminato le cartelle cliniche dei pazienti, ha scoperto alcune irregolarità. In primis, in almeno 5 minori i sintomi dell’autismo erano preesistenti alla
vaccinazione e non, come scrive Wakefield, legati all’uso del farmaco. Inoltre, la quasi totalità delle cartelle presenta discordanze tra le testimonianze dei medici e dei genitori e
quanto trascritto dal ricercatore.

Perciò, conclude Deer, il lavoro di Wakefield è “Una vera e propria frode”, eseguita in maniera volontaria e le cui conclusioni non sono perciò attendibili.

Pronta la risposta di Wakefield che, in un’intervista alla CNN, ha accusato Deer di essere un emissario al soldo delle cause farmaceutiche. Il dottore è poi andato più a fondo,
definendo il giornalista “Un assassino, incaricato di eliminarmi perché molti sono preoccupati per gli effetti negativi che i vaccini hanno sui bambini”.

FONTE: Brian Deer, “How the case against the MMR vaccine was fixed”, BMJ 2011; 342:c5347

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento