Attraverso la salute della donna passa la salute della famiglia e della società

Attraverso la salute della donna passa la salute della famiglia e della società

Sin dal primo giorno del mio mandato come Ministro ho avuto un’attenzione particolare al tema della salute delle donne che ho inserito all”interno dei programmi di prevenzione e all’interno del semestre europeo a guida italiana. Questo perche’, e non e’ una frase retorica ma una realta’ scientificamente provata, attraverso la salute della donna passa la salute della famiglia e della societa’.

La donna e’ un caregiver di buone pratiche, e’ colei che gestisce di fatto il potenziale delle misure di prevenzione della famiglia, e’ la prima attrice in tema di  salute dei propri figli e dei suoi familiari. Questo significa che passa attraverso di lei la promozione dell’adozione di quei corretti stili di vita che prevengono tante malattie, basti pensare ad esempio all’obesita’ infantile.

Allo stesso tempo però la donna e’ sempre di piu’ un soggetto di cura. I dati che abbiamo ci dicono infatti che se e’ vero che la prospettiva di vita delle donne e’ sicuramente tra le piu’ alte del mondo in Italia, e’ anche vero che purtroppo gli ultimi anni di vita delle donne sono piu’ duri: la donna vive di piu’, ma vive peggio gli ultimi anni della sua vita. Questo anche perche’ su di lei gravano il carico di cura e di fatiche condotte nel corso della propria esistenza: la gravidanza, la cura dei figli, il lavoro, la cura parentale. Inoltre nell’ultima parte della sua vita la donna non ha quelle attenzioni per se stessa, anche dal punto di vista della prevenzione e della cura, che sono assolutamente necessarie per vivere bene e a lungo durante tutto l’arco della propria vita.

Ci sono differenze di genere ancora troppo poco considerate. Per questo noi abbiamo spinto molto sulla medicina di genere in Italia, affinche’  ci siano piu’ studi sulla salute della donna in tutte le fasi della sua vita: da bambina, nella fase della maturita’ sessuale e del periodo fertile, nell’età matura, con  la menopausa, e nell’età anziana.  In ogni fase ci deve essere attenzione per le patologie che vi possono incidere di piu’ e vanno sensibilizzate le donne su come prevenire le malattie e proteggere la propria salute.

Per tutte queste ragioni abbiamo fortemente voluto la I Giornata nazionale della salute della donna che si e’ tenuta il 22 aprile scorso e che segna l’avvio di un percorso sulla salute al femminile che passa attraverso le iniziative per la prevenzione del cancro al seno e della promozione dell’allattamento al seno previste per il mese di maggio, fino ad arrivare all’autunno con il Fertility Day del 22 settembre. Il 22 aprile c’è stata una grande partecipazione alle iniziative della Giornata nazionale della salute della donna, e voglio ringraziare di cuore tutti gli intervenuti per l’interesse mostrato.

Abbiamo messo a segno dei focus importanti  nel corso della Giornata e dai 10 tavoli di lavoro composti da associazioni, societa’ scientifiche, mondo dell’impresa, giornalisti, esperti, sono emersi tanti input importanti che sono confluiti nel “Manifesto  della salute della donna” che ho firmato seduta stante assumendomi a nome del ministero l’impegno preciso di dare seguito a quanto da essi proposto: 50 azioni  per promuovere la salute della donna nelle diverse direttrici strategiche: sessualita’, fertilita’ e salute materna; violenza, diritto alla salute negato, donne migranti; salute mentale, disturbi del comportamento alimentare e dipendenze; alimentazione e fasi di vita; prevenzione dei tumori femminili e screening;  cosmesi, medicina estetica, inclusa la protesica; donna lavoro e salute; medicina di genere e ricerca per le donne; Healthy ageing al femminile; comunicazione alle donne per se’ e come health driver familiare. In questa newsletter troverete il Manifesto che ho firmato, il documento con tutte le azioni individuate dai tavoli di lavoro e la loro composizione e altre informazioni utili dal sito web dedicato.

Beatrice Lorenzin
dalla newsletter del Ministero della Salute

 

Leggi Anche
Scrivi un commento