Assicurazioni: sul caso Lehman aperture dall’ANIA

Assicurazioni: sul caso Lehman aperture dall’ANIA

 

Roma – “Molti consumatori non erano consapevoli di sottoscrivere polizze index linked garantite da bond della banca d’affari Lehman Brother, con cui non
intrattenevano alcun rapporto diretto.

In altre parole molti hanno scelto tali polizze perché è stato detto loro che i rendimenti annuali erano superiori a quello dei Bot e che erano arcisicure e senza alcun
rischio, mentre di fatto si trattava evidentemente di prodotti finanziari con tutti i rischi connessi”.

E’ quanto dichiara la segreteria nazionale dell’Unione Nazionale Consumatori, dopo l’incontro odierno tra le associazioni dei consumatori e i vertici dell’ANIA.

Da quindici mesi – afferma Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori – sui principali organi di informazione circolavano notizie sul concreto
rischio che le principali banche statunitensi potessero essere travolte dalla crisi dei mutui subprime.

Però solo a partire dal 15 settembre 2008 (data in cui la Banca ha ufficialmente chiesto al tribunale fallimentare di New York l’amministrazione controllata) i titoli
Lehman Brothers sono usciti dall’elenco Pattichiari “Obbligazioni Basso Rischio Basso Rendimento”, iniziativa dell’ABI volta ad orientare le scelte del
risparmiatore intenzionato ad investire in titoli semplici e poco rischiosi”. 

“E’ importante – conclude Dona – che ora l’Ania abbia dichiarato la propria disponibilità a costituire un tavolo tecnico con le associazioni dei
consumatori per affrontare con efficacia e tempestività la situazione che si è creata in Italia dopo il tracollo di Lehman. Ci auguriamo che altre banche e compagnie
seguano Unipol, Mediolanum, BCC Vita e Fondiaria-Sai nella scelta di rimborsare i sottoscrittori”.

Leggi Anche
Scrivi un commento